Salta al contenuto principale

«Solo Adduce ha il “fisico” da sindaco»
Giovanni Scarola (Pd) secondo per voti ottenuti

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 50 secondi

MATERA - «Mi aspettavo un buon risultato ma non magari di queste proporzioni». Giovanni Scarola commenta così l’exploit elettorale che lo pone al secondo posto tra i più votanti con 698 voti. «Io avevo deciso di ricandidarmi e avevo anche deciso di farlo nel Pd, ho fatto l’assessore con questo partito e ho voluto continuare sulla strada intrapresa.
Negli ultimi giorni ho avuto sentore di questo risultato, i riscontri erano positivi e l’esito dello scrutinio lo ha dimostrato, la cosa che mi soddisfa è che si tratta di un risultato omogeneo in tutta la città e non solo in alcune zone. Il mercato spostato da San Giacomo? Non credo abbia influito più di tanto, quella è una zona popolosa ma i voti non sono stati particolarmente alti». Scarola sottolinea anche di non aver lavorato per accoppiate di genere che hanno fatto la differenza e trainato al rialzo molti risultati elettorali: «ho scoperto delle liste nel momento in cui sono state pubblicate sui giornali, non avevo partecipato alla compilazione, non avevo accoppiate predefinite, la gran parte dei voti non hanno collegamenti di genere e questo mi lascia ancora più soddisfatto del lavoro che ho svolto».
Un lavoro che potrà, visto il risultato ottenuto, continuare anche in futuro nel caso in cui Adduce dovesse vincere il ballottaggio: «io comincio subito a lavorare in questa direzione, ma non ho ambizioni personali, posso anche continuare a fare il consigliere comunale come è già successo in parte della passata legislatura.
Io non ho mai creduto che Adduce potesse avere delle difficoltà, sapevo che era in testa e sono convinto che chiuderà da vincitore l’appuntamento elettorale del ballottaggio.
Il mio impegno in questo senso sarà totale, non ci sono dubbi, Adduce è l’unico ad avere il fisico per poter fare il sindaco in questa città, rischiare non conviene davvero a nessuno».
Scarola non ha esitazioni neanche di fronte al dubbio che passato il primo turno e l’impegno diretto dei diversi consiglieri il Pd e il centrosinistra possa nuovamente avere esitazioni e spaccature al proprio interno che sarebbero letali nel corso del ballottaggio.
«Non credo ad una simile ipotesi sarebbe una cosa davvero stupida, io credo che tutto quanto il Pd marcerà in una sola direzione e in maniera assolutamente compatta».
Poi una divagazione su quello che è stato il suo lavoro di assessore: «io credo che i risultati raggiunti dal programma per gli accatastamenti, alla vendita di alcuni relitti, allo sportello Suap attivato ma anche allo sportello online sulle istruttorie in corso siano tutte cose che hanno avuto dei riscontri e che hanno portato un voto di opinione che mi ha dato benefici.
Spero di riuscire a breve a definire anche un finanziamento europeo per 1,5 milioni a cui deve dare il via libera la Regione che possa consentire di completare la progettazione e realizzazione della bretella da Venusio a via Gravina, un tratto di circa 4,5 chilometri che aiuterebbe e non poco il traffico soprattutto per le aziende che lavorano in queste aree».
Scarola confida di poter completare presto anche questo percorso e confida anche di avere poi altro tempo per definire ulteriori obiettivi. Per farlo però dovrà aspettare che Adduce vinca il ballottaggio.

p.quarto@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?