Salta al contenuto principale

Royalty a Potenza solo se per tutti i Comuni
Il centrosinistra punta al fondo di coesione

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

Alla presenza del presidente Marcello Pittella questa mattina si sono riuniti i rappresentanti dei gruppi consiliari che sostengono la maggioranza di centro sinistra alla Regione Basilicata. Tra i punti in discussione anche il destino di Potenza e la possibilità di destinare alle casse comunali una parte del fondo royalty.

La riunione - scrivono in una nota Roberto Cifarelli (Pd), Luigi Bradascio (Pittella Presidente), Paolo Galante (Realtà Italia), Nicola Benedetto (Centro Democratico), Francesco Pietrantuono (Psi) - si è conclusa con la piena condivisione della necessità di sostenere con forza la risoluzione approvata dal consiglio regionale il 14 aprile 2015, con la quale si è stabilito di utilizzare una parte delle risorse rivenienti dall’ex bonus carburanti per strutturare una politica a sostegno degli enti locali, dei servizi e dei diritti di cittadinanza, della viabilità, utilizzando anche una quota di Ires e di fondi strutturali.

Quale iter seguire?

«La discussione e l’eventuale approvazione, in prima lettura, del nuovo Statuto della Regione, prevista per il 15 luglio, fornisce l’indispensabile cornice di riferimento per una tenuta unitaria del sistema istituzionale regionale, che si traduce nella strategica funzione del Consiglio delle Autonomie e del Piano Strategico, ma anche nelle definizione di costi, fabbisogni standard e perequazioni che sostengano i principali diritti di cittadinanza: salute, istruzione, mobilità».

In sintesi il centrosinistra chiede di sostenere i piccoli Comuni attraverso il fondo di coesione e le Città che erogano servizi statali e sovracomunali, «definendo parametri e priorità che possano dare certezza a tutti. In questo contesto assumono un valore strategico le due Città capoluogo, come ulteriore elemento unitario della Regione, tanto per la prospettiva di Matera capitale Europea della Cultura nel 2019 quanto per l’emergenza finanziaria di Potenza. Occorre, inoltre, assicurare il necessario sostegno al personale delle Province e accompagnare il progetto di riforma di questi Enti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?