Salta al contenuto principale

Serve accelerata sulla giunta
Annuncio atteso in settimana

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

MATERA - Definite le cariche all’interno dell’assemblea con presidente, vicepresidenti, commissioni, capigruppo il Consiglio comunale di Matera eletto lo scorso 31 di maggio è pienamente operativo.
E il tenore di molte delle dichiarazioni di ieri lasciano pensare che i tempi siano anche fertili per provare (quantomeno) ad avviare una sorta di disgelo tra maggioranza ed opposizione.

Le garanzie di imparzialità ed equilibrio a cui ha fatto riferimento il neo presidente Tortorelli rivolgendosi più volte direttamente a Salvatore Adduce sembravano andare proprio in questa direzione.
Così come l’estremo tentativo, istintivo e non pienamente concordato, del consigliere Manicone di cercare una soluzione unitaria su Tortorelli puntavano decisamente a questo obiettivo.
Dimenticare le scorie di una campagna elettorale molto dura e guardare avanti.

Obiettivi non facili ma Matera oggi, e di questo sembrano esserne tutti quanti consapevoli, ha bisogno soprattutto di lavorare compattamente per dei risultati importanti quanto ambiziosi.
Per muoversi in quest’ottica però serve anche nelle prossime ore che il sindaco Raffaello De Ruggieri dia l’accelerata decisiva alla nuova giunta comunale in modo da permettere all’intera macchina amministrativa di poter affrontare sin da subito le sfide che ci sono davanti.

«Entro dieci giorni» ha sostenuto ieri il primo cittadino, forse già al termine di questa settimana potrebbero esserci delle novità.
In realtà nel corso del Consiglio di ieri, soprattutto dai banci dell’opposizione, qualche richiamo-esortazione a De Ruggieri a definire il nuovo esecutivo non è assolutamente mancato.
Ma il primo cittadino non sembra essersi scomposto più di tanto convinto di poter dare alla città un nuovo governo entro pochi giorni. E poi concentrarsi sull’approvazione del bilancio necessaria entro il 31 di luglio.

E’ il passaggio che manca per accompagnare degnamente l’elezione di Tortorelli e i tentativi di disgelo che si sono intravisti ieri in Consiglio comunale.

E’ l’accelerata necessaria per mettere al bando esitazioni e tatticismi.

Ma con impegni, necessità, scadenze che sono alle porte (non ultimo il bilancio 2015) l’esigenza di un governo cittadino diventa quantomai stringente.
Per permettere a tutti, maggioranza e opposizione, di lavorare nel distinguo di ruoli e di responsabilità per gli obiettivi ambiziosi che Matera ha davanti. Pochi giorni e poi De Ruggieri dovrà sciogliere i dubbi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?