Salta al contenuto principale

Fondazione Matera2019
Riprende quota Antonio Calbi

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

MATERA - Tema centrale della campagna elettorale, quello del destino della Fondazione Matera 2019 è in queste ore tra gli impegni principali del sindaco: «Il sindaco non sarà presidente e il presidente della Regione, credo, non sarà vice presidente. Martedì pomeriggio a Potenza dovrebbe essere ricomposto il direttivo che oggi è monco di una posizione. Bisogna poi preparare la relazione da presentare a Bruxelles entro il 28 agosto, andremo in belgio a settembre e in quella sede ci confronteremo con la commissione per verificare quali modifiche apportare al Dossier, come rimodularlo. Non cambiamo i capitoli, ma i contenuti». L’altro passaggio riguarderà la modifica dello Statuto.

Raffaello De Ruggieri lascia trapelare senza tante difficoltà il suo entusiasmo per la nuova fase che questo importante organismo si appresta a varare: «Chi vivrà, vedrà il nuovo presidente, vice presidente e gli altri organismi. C’è un’idea che deve essere ancora definita: il direttore generale che oggi ha ancora un’incongruenza contenuta del dossier - aggiunge - e va rivista in un clima di tranquillità e non di liste di proscrizione».

Il nome di Antonio Calbi circola nell’aria. Fu la sua candidatura, all’epoca, ad aprire la frattura insanabile all’interno dell’allora Comitato Matera 2019 proprio con de Ruggieri che ne caldeggiava l’elezione come direttore.

«L’ho incontrato qualche giorno fa a Roma. È un personaggio esplosivo nel mondo culturale italiano, come si fa a fare a meno di lui? Deve entrare armi e bagagli nella Fondazione - aggiunge - dopo la sua esperienza al teatro Argentina, la sua prossima tappa dovrebbe essere la direzione del Piccolo di Milano. Calbi vive ancora l’innamoramento per la città, sarebbe disponibile anche come volontario per questa città. Insieme a lui c’è una serie di persone di grande valore come, ad esempio, CArlo Fuortes, direttore del teatro dell’Opera di Roma che ho incontrato al convegno di Federculture. Tutti punti di riferimento molto importanti. Dobbiamo poi riaprire il rapporto col territorio lucano. Giovedì sarò dal sindaco di Policoro per sostenere le aree lucane».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?