Salta al contenuto principale

Passa l'emendamento SalvaPotenza
Deficit recuperabile in quattro anni

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

POTENZA - Si al “Salva Potenza” ieri sera al fotofinish. La V Commissione al Senato ha votato in maniera unanime il provvedimento che prova a dare ossigeno alla vicenda finanziaria del capoluogo lucano.

Sono state ore di attesa, quelle di ieiri, in attesa delle notizie romane per il “Salva Potenza”.

Dopo l’ennesimo rinvio di mercoledì l’emendamento proposto dai due senatori lucani Salvatore Margiotta e Guido Viceconte è stato messo alla fine di tutti i provvedimenti votati e discussi in Commissione. L’attesa è stata snervante. Solo alle 23 finalmente la Commissione si è occupata dell’emendamento. Successo finale con l’approvazione all’unanimità da parte dei componenti di tutti i partiti e del governo che hanno presieduto alla riunione.

Insomma tutto bene quel che finisce bene. Ora si apre un varco per la salvezza finanziaria di Potenza.

L’emendamento che ora arriva alla prova e vera propria in Senato mirava a ottenere quello che non si è riusciti a far passare in Consiglio dei Ministri: la possibilità di programmare il rientro del Comune in dissesto in cinque anni (di fatto quattro per il capoluogo lucano).

Ovviamente si tratta di una sorta di mediazione tra la richiesta iniziale di 5 anni. Dopo il passaggio al Senato (dove a questo punto non dovrebbero esserci sorprese, la vicenda passerà nelle mani del presidente della Regione Basilicata che dovrà prevedere aiuti economici a Potenza da poter spalmare in 4 annualità. Certo il massimo sarebbe potuto farlo in 5 annualità ma dalle indiscrezioni a caldo pare che la Regione possa farcela anche in 4 con qualche “sacrificio” in più.

A caldo comunque c’è stata la soddisfazione del senatore Salvatore Margiotta che ha subito twittato dopo il voto in Commissione il proprio ringraziamento a Renzi, a Boschi e a Lotti. In ogni caso il voto a favore è stato espresso da tutti i senatori e non solo quelli renziani.

sal.san.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?