Salta al contenuto principale

Il sistema, collegato alle scommesse
è entrato in un vortice dal quale è impossibile uscire

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

Per chi questi mari li ha navigati, ed ha patito, alla pari di altri, i postumi del naufragio, svegliarsi ieri mattina rendendosi conto della melma messa in chiaro dagli investigatori di Catanzaro, ha fatto rievocare eventi infelici e venire fuori riflessioni amare.
Inevitabile pensarlo: brutta cosa che, al netto delle singole responsabilità e dell’effettiva verità degli eventi apre il campo al dubbio sulla credibilità di un sistema che - dalla A ai campionati minori - sembra essere vittima di un male incurabile.
Viene spontaneo pensare che seguire qualsiasi tipo di partita non ha più senso, se il risultato è già deciso a priori. Viene quasi conseguenziale decidere di restare a casa sul divano, piuttosto che sobbarcarsi chilometri, ingoiare veleno e innervosirsi, ogni benedetta domenica.
Ma la cosa ancora più grave è comprendere ogni giorno di più a malincuore che questo sistema, collegato al circolo delle scommesse, è entrato in un vortice dal quale è praticamente impossibile uscire e nel quale due sono gli anelli deboli: i calciatori mal pagati e corruttibili e i tifosi che assistono a uno spettacolo il cui copione è deciso da altri.

a.pecoraro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?