Agenti del Ris

Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto

CARIATI – Proseguono le indagini per il grave episodio di sangue accaduto a Cariati il 7 settembre scorso quando, durante un ricevimento per una festa di battesimo all’interno di un noto lido balneare, il 43enne P.C, originario di Cirò ma residente a Campana, subì un’aggressione nel corso della quale venne accoltellato (LEGGI).

L’uomo ha affidato l’incarico di tutelare i propri interessi nel processo all’avvocato penalista Ettore Zagarese. Seconda una nota diffusa nella giornata del 20 ottobre scorso, l’indagine è in mano al pubblico ministero del Tribunale di Castrovillari Serracchiani, il quale ha disposto presso la Polizia Scientifica del RIS di Messina l’espletamento di una seria di attività irripetibili, volte a stabilire l’esatta ricostruzione degli accadimenti.

L’uomo era stato raggiunto da tre colpi di coltello la cui lama è rimasta conficcata nell’addome fino all’arrivo al Punto di Primo Intervento dell’ex ospedale “Vittorio Cosentino”, da dove è stato poi trasferito con urgenza e con prognosi riservata presso l’ospedale Annunziata di Cosenza.Pare che la lite sia scoppiata da futili motivi.

Di tentato omicidio, aggravato dai futili motivi, è accusato A.A. di 33 anni, di Cariati, attualmente detenuto presso la Casa circondariale di Castrovillari a seguito di una ordinanza del Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Castrovillari, successivamente confermata anche dal Tribunale del Riesame di Catanzaro.

  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •