X
<
>

Condividi:

L’Italia non dorme mai in Giappone e già nelle prime ore del mattino ha smosso il medagliere della Paralimpiade di Tokyo 2020, conquistando due podi nel triathlon. La prima gioia di giornata l’ha regalata la poliedrica Veronica Yoko Plebani all’Odaiba Marine Park. Dopo aver esordito nel 2014 ai Giochi invernali di Sochi nel parasnowboard e aver disputato quelli estivi di Rio 2016 nella paracanoa, la venticinquenne bresciana di Gavardo ha chiuso terza nella categoria PTS2, coronando il sogno nel triathlon. Una gara solida, aggressiva, da assoluta protagonista quella della bresciana che ha realizzato il sogno di salire sul podio paralimpico alle spalle delle americane Allysa Seely (che bissa il successo di Rio 2016) e Hailey Danz.
Subito ci hanno pensato Anna Barbaro e la sua guida Charlotte Bonin ad arricchire il medagliere. Nella PTVI femminile, la azzurra della provincia di Reggio Calabria chiude con l’argento in 1:11.11, 3.56 di ritardo dalle vincitrici della gara, le spagnole Susana Rodriguez e Sara Loher (1:07.15). Terzo posto per le francesi Annouck Curzillat e Celine Bousrez (1:11.45).
Oggi al Makuhari Messe è il grande giorno di Bebe Vio. La stella mondiale della scherma in carrozzina, campionessa paralimpica in carica a Rio 2016 è già in finale della categoria B, dopo aver battuto, nell’assalto del quarto di finale, la georgiana Khetsuriani per 15-6 e, a ruota, in semifinale, la russa Ludmila Vasileva per 15-4. Rammarico per Matteo Betti (categoria A), che ha perso la finale per il bronzo contro il russo Nikita Nagaev per 15-11.
Buone notizie anche dal pararowing, ovvero il canottaggio, in cui tutti e due gli equipaggi azzurri impegnati nei ripescaggi odierni si sono qualificati alla finale di domani. Un grande risultato per il quattro con PR3 formato da Cristina Scazzosi, Lorenzo Bernard, Alessandro Alfonso Brancato, Greta Elizabeth Muti e Lorena Fuina e il doppio PR2 misto composto da Gianfilippo Mirabile e Chiara Nardo.
Un’altra grande giornata di finali all’Aquatics Centre con tantissimi azzurri in finale e due medaglie. Si comincia con Stefano Raimondi, splendido bronzo nei 100 stile libero S10 maschile. A ruota la palermitana Xenia Francesca Palazzo, tesserata Verona Swimming Team, è d’argento nei 200 misti SM8.
Infine, Valentina Vezzali, Sottosegretario allo Sport del Governo italiano, ha voluto complimentarsi con gli azzurri del canottaggio, che hanno raggiunto le finali nel doppio PR2Mix e nel quattro con PR3Mix.
(ITALPRESS).

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA