X
<
>

Condividi:

FIRENZE (ITALPRESS) – ”Il mio prossimo obiettivo è vincere contro la Bulgaria. Come ho sempre detto non bisogna guardare lontano ma alla prossima partita. L’obiettivo è battere la Bulgaria, poi sarà battere la Svizzera, e poi la Lituania perché bisogna guardare ad una cosa alla volta, ed alla fine si faranno i conti”. Jorginho è stato uno dei protagonisti principali della vittoria della Nazionale italiana ad Euro 2020 ma dal ritiro azzurro di Coverciano invita a volare bassi e suggerisce di concentrarsi sulla gara che attende la squadra guidata da Roberto Mancini giovedì prossimo allo stadio ‘Franchi’ di Firenze, valida per le qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022. “Dovremmo stare attenti alla Bulgaria perché anche loro hanno delle armi e noi dovremmo cercare di non essere presi di sorpresa – ha aggiunto Jorginho -. Sono una nazionale che ha potenza, in contropiede possono farci del male, e quindi dobbiamo cercare di bloccarli, imporre il nostro calcio, come cerchiamo di fare sempre, e stare attenti alle marcature preventive”.

Proprio Jorginho, che in questo 2021 ha vinto tutto fra club, Chelsea e nazionale, ovvero l’Italia, ha la cura per far si’ che gli azzurri possano continuare a sognare e a provare a vincere. “Sicuramente adesso arriva il difficile perché l’Italia non è più una sorpresa ed è tornata nel posto dove merita di essere – ha spiegato il regista azzurro -. Tutti quelli che verranno a giocare contro di noi verranno in una maniera diversa e quindi noi dopo quello che abbiamo fatto siamo felici ma dobbiamo sempre rimanere umili perché appena abbassi un po’ la guardia arrivano le brutte cose e noi non vogliamo che queste cose arrivino. Cercheremo dunque di rimanere umili e continuare a lavorare come abbiamo fatto in tutto questo periodo. Qualcuno rimane scettico su di noi? Lasciamogli dire che siamo indietro” rispetto ad altre nazionali, “lasciamogli dire che siamo stati fortunati agli Europei. Ora è difficile rimanere all’ombra per quanto abbiamo fatto”, ovvero “una grande cosa, abbiamo dimostrato di fare un grande calcio, e dobbiamo continuare ad avere fame ed umilta’”.

La vittoria della Nazionale agli Europei per Jorginho “ha mandato un messaggio non solo all’estero ma anche all’Italia e al popolo italiano che credo si sia divertito a guardare le nostre partite. Ci siamo divertiti noi e si sono divertiti anche loro. Le altre squadre poi ci studiano per cercare di poterci battere e noi continueremo a lavorare come abbiamo sempre fatto”. Nel frattempo “ho vissuto molto bene il post Europeo, mentre i miei compagni non tanto bene, menomale che abbiamo vinto così non mi hanno potuto prendere in giro. Non ho potuto pensare tanto ad altro perché dopo le vacanze abbiamo avuto subito un’altra finale e quindi non ho avuto tempo per altro. I miei parenti in Brasile non sono rimasti sorpresi dalla nostra vittoria perché hanno seguito il nostro percorso, hanno visto che stavamo facendo bene, e credevano tanto in noi”. Il regista del Chelsea poi ha parlato di alcuni calciatori assenti nell’ultimo periodo in Nazionale o per infortunio o per scelta tecnica.

“Per me non cambia nulla. Tornano qui calciatori per aggiungere. Anche se hanno caratteristiche diverse” da altri elementi “noi ci adattiamo, rientrano solo per aggiungere quindi è tutto un di piu’ – ha osservato Jorginho – Ci sono tante squadre che hanno giocatori di grande qualita’ ma la differenza la facciamo con la nostra unione, il gruppo che abbiamo noi. Questo ci ha permesso di fare la differenza e continuera’ a farlo. Un calciatore che mi somiglia? Magari Tonali. Credo che con i metodi di gioco e nelle scuole calcio i bambini stiano iniziando a giocare a due” a centrocampo “e non c’è piu’ l’insegnamento su questo ruolo”. Infine Jorginho ha provato a volare basso anche in chiave di una possibile vittoria del Pallone d’oro. “Ne lascio parlare i giornalisti, io cerco di vivere il momento. Manca ancora qualche mese perche’ venga presa una decisione in merito e sto cercando di pensare al momento attuale, poi vedremo quello che succederà. I complimenti di Pele’ per il premio miglior giocare Uefa? Sono rimasto sorpreso e a bocca aperta perché quello che mi sta succedendo, sta avvenendo molto in fretta. Le sue parole mi hanno fatto molto piacere”.
(ITALPRESS).

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA