X
<
>

Condividi:

Ancora disagi per i viaggiatori in Calabria; arrivati alla stazione ferroviaria di Lamezia Terme sicuri di poter salire a bordo del treno locale diretto a Catanzaro e nella fascia jonica ma hanno avuto l’amara sorpresa di non trovare più la coincidenza, pure confermata su tutti gli orari a disposizione della clientela.
Alcuni viaggiatori hanno protestato questa mattina lamentando la cancellazione del treno regionale 3783, delle 13, inconveniente che ha comportato un’attesa imprevista di alcune ore: «Sono calabrese ma vivo a Bologna – dice una donna – e davvero sono senza parole per quello che è accaduto, soprattutto per l’assoluta mancanza di informazioni. Vengo spesso nella locride e già in passato ho avuto modo di constatare l’assoluta inadeguatezza dei treni che percorrono la linea. Adesso, però, è troppo: saremo costretti ad attendere delle ore prima di poter sperare di salire sul treno che ci porterà nella fascia jonica».
Tra chi manifesta disappunto c’è anche un signore che deve raggiungere il soveratese per lavoro: «Provengo da Napoli – dice – e faccio questo tragitto tutte le settimane: dire che il servizio sta andando in malora forse non rende nemmeno l’idea. Siamo qui in balia delle onde, in attesa, senza che nessuno finora si sia degnato di dirci qualcosa. È stata annunciata l’attivazione di un servizio sostitutivo con pullman ma ancora qui non si è visto nulla».
Tra le persone in attesa anche degli anziani. «Sarebbe il caso – afferma uno dei viaggiatori – che qualcuno ci dicesse cosa dobbiamo attenderci in futuro per la linea jonica sempre più abbandonata. Se accade che un treno venga soppresso così, senza alcun preavviso e con gli orari e tutti gli indicatori che lo danno come in servizio, non sappiamo davvero cosa pensare».

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA