X
<
>

Condividi:

di ANTONIO MUTASCI
E’ il golden gol di Cellura a portare il Matera in serie A1. C’è voluto il supplementare per far sbarcare la Raro nella massima serie dell’hockey a rotelle dopo trenta anni di storia. Una gioia immensa che ripaga i tanti sacrifici fatti dai giocatori, tutti materani, e dalla società. E oltre che a Trissino scoppia la festa anche a Matera per questa epica vittoria.
L’avvio non è dei migliori per la Pattinomania che dopo appena 43 secondi è già in svantaggio per mano di Pasquale. Ma è il Matera a fare la partita e a cercare l’azione avvolgente, ma non trova sbocchi e il Trissino in contropiede colpisce con Bertinato (2-0). I bianchi di casa sfiorano anche il terzo gol, ma quando sembra che il Trissino sia in controllo, ecco che la formazione di Barbano piazza un micidiale uno-due che rimette la partita sui giusti binari: Papapietro accorcia le distanze al 13’ e dopo appena otto secondi Santeramo firma il pareggio (2-2).
Il Trissino trova il nuovo vantaggio con Bertinato, ma una bella combinazione tra Papapietro e Santeramo mette quest’ultimo nelle condizioni di siglare il pari tre. Ma in chiusura di primo tempo i padroni di casa usufruiscono di un tiro di rigore che è trasformato in maniera perentoria da Campagnolo. Per il fallo da rigore Cellura si vede sventolare il primo cartellino blu della partita. Il primo tempi si chiude con il Matera in attacco, ma in vantaggio è il Trissino.
La ripresa si apre con una fase di studio e regna l’equilibrio. Ma la Pattinomania ha la possibilità di sfruttare un tiro libero con Santeramo. Il bomber con la maglia numero due dimostra grande freddezza e segna la sua personale tripletta non facendosi incantare dall’ottimo Comin (4-4). Però Pasquale punisce nuovamente i materani che vanno sotto e s’innervosiscono. Però Santeramo ha l’occasione di pareggiare nuovamente con un altro tiro libero, ma questa volta non è freddo come in precedenza. Ma quando tutto sembra perso ci pensa la zampata di Vivilecchia ad alimentare le speranze materane (5-5). E pi è sempre il capitano a firmare il primo sorpasso del Matera: Vivilecchia fa 5-6 con una percussione centrale. Alla ripresa però arriva subito il tiro libero che Campagnolo segna dopo che l’arbitro lo ha fatto ripetere.
La sofferenza aumenta quando il direttore di gara assegna un rigore quantomeno generoso al Trissino, ma Trombetta compie il miracolo e nega il gol a Campagnolo mantenedo il risultato sul pari sei. Finisce il tempo ma non basta per decretare un vincitore. Si va ai supplementari dove vige la regola del golden-gol. Dopo più tentativi è Cellura a decidere la partita con il golden gol che vale la promozione della massima serie per la Raro Pattinomania Matera.
[email protected]

ff0000]IL TABELLINO

Trissino 6 Pattinomania 7
TRISSINO: Comin, Campagnolo, Marchesini, Marangon, Bertinato, Sperotto, Pasquale, Volpiana, Clodelli, Pellizzaro. Allenatore Chiarello.
RARO PATTINOMANIA MATERA: Trombetta, Braia, Santeramo, Gaudiano, Nicoletti, Cellura, Papapietro, Vivilecchia, Guida. Allenatore Barbano.
ARBITRI: Carmazzi e Cosci di Viareggio.
RETI: 0’ 43’’ pt Pasquale, 5’ 47’’ pt Bertinato, 13’ 51’’ pt Papapietro, 13’ 59’’ pt Santeramo, 19’ 48’’ pt Bertinato, 21’ 48’ pt Santeramo, 5’ 05’’ st Santeramo, 9’ 47’’ st Pasquale, 19’ 35’’ st Vivilecchia, 21’ 01’’ st Vivilecchia, 21’ 11’’ st Campagnolo, 3’ 15’’ pts Cellura.
NOTE: Cartellino blu a: Cellura, Bertinato, Volpiana.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA