X
<
>

Condividi:

Alla 1^ salita Morano-Campotenese, gara automobilistica in programma dal 15 al 17 Aprile prossimi e valevole per il campionato regionale e per il trofeo “Assominicar”, e quale prima prova del “Challenge Silvio Molinaro”, parteciperanno ben 151 piloti, che con le loro auto, arriveranno da tutte le regioni d’Italia. comprese tra Toscana e Sicilia.
Il concorrente che giunge in Calabria dal territorio più distante dalla nostra regione arriva dalla provincia di Lucca ed è una donna, unica partecipante femminile, si chiama Valeria Pulvirenti e corre su una vettura prototipo “Radical”.
L’ottanta per cento degli iscritti alla Morano – Campotenese è, ovviamente, calabrese, ma non mancano presenze “illustri” provenienti da altre regioni. Da citare Roberto Chiavaroli, campione italiano gruppo N, che a Morano debutta su una Ferrari 430, ed il napoletano Piero Nappi, su Ferrari 550 Maranello. Allo “start”, coi suoi 81 anni, anche il decano dei piloti della velocità in salita, Domenico Scola. Già scattato, tra appassionati ed addetti ai lavori, il “totovincintori”. Tra le macchine più performanti, le vetture di Formula 300, i più accreditati alla vittoria assoluta sono Carmelo Scaramuzzino, e l’umbro, di Gubbio, Andrea Picchi, oltre ai calabresi al volante di vetture Prototipo Osella, Rosario Iaquinta e Antonio Ritacca. Non mancano i possibili outsiders, individuati nel napoletano Chicco Maione, su Osella Honda, e Francesco Leogrande, da Fasano, al volante di una “Elia1600”, auto di produzione calabrese: quest’ultimo, più volte, ha dimostrato di riuscire ad esprimere grandi prestazioni con vetture piccole. Sorprese potrebbero arrivare, nella top ten assoluta, anche dai moranesi Umberto Berardi e Domenico De Franco, entrambi prototipo “Radical” 1600, e l’ “avvocato volante” Franz Caruso.
Sarà, certamente, avvincente la lotta nelle diverse classi e nei vari gruppi, a cominciare dalla “E1 Italia” che registra la partecipazione del cosentino Natalino Scarpelli, su Mitsubishi, che, negli oltre 3000, punta all’assoluto; nella 2000 dello stesso gruppo, la competizione tra le Alfa 147 potrebbe riservare un testa a testa tra Andrea Mammone, di Montalto, e Natalino Stabile, di Morano. Sfida al centesimo di secondo, poi, tra Oronzo Montanaro, di Fasano, su Clio RS, ed i potentini Achille Lombardi, su Honda Civic, e Giancarlo D’Andrea, su Peugeot 206. Nelle classi piccole, si preannuncia una bella sfida tra i cosentini Mario Minervino e Daniele Aceto, senza, però, dimenticare che ci sono altri quattordici concorrenti. Infine, nella gara valevole per l’”Assominicar”, favorito d’obbligo il campione italiano 2010, il lametino Angelo Alessandro Mercuri. Ricordiamo che la Morano-Campotenese è organizzata dalla scuderia “Tebe Racing” di Luzzi, titolare della licenza di organizzatore della Csai, la Commissione sportiva automobilistica italiana, affiancata dall’associazione sportiva “Morano Motorsport”, con il patrocinio del Comune di Morano Calabro e della Provincia di Cosenza. Il tragitto è quello della vecchia cronoscalata del Pollino. Gli ispettori della Csai hanno omologato i 7100 metri del percorso anche per le vetture di formula monoposto, una novità atteso che, finora, le monoposto erano state autorizzate a correre solo nelle gare titolate.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA