Tempo di lettura 2 Minuti

«Dedico questa vittoria ai tanti calabresi onesti che hanno avuto la voglia di cambiare, che mi hanno dato la grande forza di condurre questa grande campagna elettorale». Questa la prima dichiarazione di Giuseppe Scopelliti, che allo stato ha battuto nettamente il candidato rivale del centrosinistra Agazio Loiero.
Scopelliti – la scheda
Nato a Reggio Calabria il 21 novembre 1966, Giuseppe Scopelliti si è laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Messina. Dal 2002, nella cattedra di Scienze delle Finanze della medesima università, svolge il ruolo di docente a contratto in Finanza Locale.
Nel 1990 ha ricoperto la carica di Segretario Provinciale del «Fronte della Gioventù» di Reggio Calabria e nel 1993 a Rieti è stato nominato segretario nazionale. Nel 1992, eletto nella lista del Movimento Sociale Italiano, siede per la prima volta tra gli scranni di Palazzo S. Giorgio.
Nel 1994 si candida alle elezioni europee nel collegio dell’Italia Meridionale risultando il secondo dei non eletti raggiungendo 34.000 voti di preferenza, mentre nell’aprile del 1995 si candida alle lezioni per il Consiglio Regionale Calabrese risultando il primo eletto nella lista di Alleanza Nazionale. L’Assemblea regionale lo elegge Presidente del Consiglio Regionale, carica che ricopre per tutta la durata della legislatura.
Da Presidente del Consiglio si rende protagonista, tra l’altro, dell’apertura, dopo oltre 20 anni, del Palazzo del Consiglio Regionale la cui sede è ubicata nella città di Reggio Calabria. Il 16 aprile del 2000 è stato rieletto consigliere regionale nella lista di «Alleanza Nazionale» e assume l’incarico di Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale. Nel 2005 è stato nominato Presidente della Commissione Finanza Locale dell’Anci e nel 2008 vicepresidente nazionale. Nel maggio del 2002 si candida per l’elezione a sindaco della città vincendo le lezioni. Nel maggio del 2007 viene rieletto Sindaco con 83.418 preferenze conquistando un consenso popolare del 70%.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •