Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 Minuti

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli (nella foto), in una nota ha rivolto un invito al Presidente della Regione, Scopelliti, affinchè prenda un impegno «preciso e immediato a favore della realizzazione di Cardiochirurgia a Cosenza, reparto assolutamente indispensabile per dotare l’ospedale dell’Annunziata di una struttura altamente specializzata, un centro di eccellenza, di intervento immediato, in grado di salvare la vita a pazienti bisognosi di interventi urgenti».
«Da molto tempo Cosenza e la provincia – aggiunge Corbelli – aspettano la realizzazione di Cardiochirurgia. Una lunga battaglia bipartisan che va avanti da anni. I tempi sono maturi. Del resto è stato anche già indetto, con delibera n. 255 dell’8 aprile 2009, un Concorso per l’assunzione di un Primario di struttura complessa e di 5 cardiochirurghi. Non basta certo la giustificazione della mancanza dei fondi per annullare tutto.
La realizzazione di Cardiochirurgia deve essere una delle priorità della Giunta Scopelliti. Siamo certi che il centrodestra cosentino che, con alcuni suoi leader, si è molto speso per questo importante obiettivo continuerà a battersi, con maggiore vigore e forza, adesso che sono al Governo delle regione, per la realizzazione di Cardiochirurgia nella città bruzia. Il Governatore Scopelliti non può deludere le attese di una città e di una intera provincia che aspetta e rivendica a ragione, legittimamente, la Cardiochirurgia. Non si può e non si deve più perdere tempo».
«Bisogna procedere immediatamente – prosegue Corbelli – e ottenere questa storica conquista, che servirà ad alleviare i disagi e le sofferenze di tanti pazienti (e delle loro famiglie), costretti ad emigrare in altre province e in altre regioni per potersi operare, e soprattutto consentirà interventi immediati spesso decisivi per salvare la vita a malati bisognosi di operazioni urgenti e delicate al cuore. Cardiochirurgia a Catanzaro non può da sola continuare a far fronte alle esigenze di una intera, vasta regione. Una provincia grande, particolarmente estesa e complessa, come quella cosentina, un ospedale importante come quello dell’Annunziata, devono avere un reparto fondamentale come Cardiochirurgia. Se Scopelliti vuole realizzare Cardiochirurgia anche a Reggio Calabria, la sua città, lo faccia pure. Ma non a discapito e a danno di Cosenza».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •