Tempo di lettura 2 Minuti

di Luca Carlone

SI È concluso con il largo successo del Cus Potenza sul Matera Rugby il secondo “Potenza Rugby Day”, manifestazione organizzata del Centro universitario sportivo in collaborazione, quest’anno, con l’Avis comunale di Potenza.
La calda giornata primaverile ha sicuramente favorito la buona riuscita della kermesse dedicata alla palla ovale: che nella mattinata di ieri, presso il Campo scuola di atletica di Macchia Romana, ha visto sfidarsi a suon di placcaggi, touche e mete i rugbisti in erba (della categoria under 13) degli istituti comprensivi del Sinisgalli di Potenza e di Pignola. Un’occasione per dimostrare, se ce ne fosse bisogno, quanto sia formativo e tutt’altro che violento questo sport.
A far da cornice all’evento, gli stand allestiti dalla sezione comunale di Potenza dell’Avis. Che dal canto suo ha confermato di essere il partner ideale per condividere i sani principi alla base del rugby, in grado di sposarsi alla perfezione con lo spirito solidale e i valori che da sempre contraddistinguono l’operato dell’associazione dei volontari del sangue.
Nel pomeriggio l’attenzione si è quindi spostata sul test match ufficiale tra Cus Potenza e Matera, in cui le due squadre più rappresentative del movimento lucano hanno dato un saggio del buonissimo livello tecnico e tattico raggiunto.
Il risultato in occasioni come queste passa in secondo piano, ma d’altro canto l’agonismo e un leale spirito combattivo in campo non sono mancati. E a tenere in mano, fin dal primo tempo, le redini del match sono stati gli universitari: già avanti 22-0 dopo i primi 23 minuti grazie alle due mete a testa realizzate da Ianniello e Filiani, e alla trasformazione a segno di Benevento. Al 30′ il “quindici” ospite accorciava le distanze, ma prima dell’intervallo Ruggiero e il calcio tra i pali di Benevento rimettevano tra il Cus e i cugini un margine di tutta sicurezza. E nella ripresa i padroni di casa amministravano, fissando il 34-7 finale grazie alla bella azione personale di Senatore.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •