Tempo di lettura < 1 minuto

Il Consiglio dei Ministri odierno ha deciso il commissariamento della sanità della regione Calabria nella persona del presidente della Regione. È quanto ha affermato il ministro dell’economia Giulio Tremonti secondo cui al commissario spetterà «il compito di gestire il settore» affiancato dalla Guardia di Finanza per sancire «il ritorno dello Stato».
La sanità della Regione Calabria dunque, sarà gestita da un commissario nominato dal Governo che si avvarrà dell’aiuto e delle competenze della Guardia di Finanza: «La Calabria ha un sistema di sanità piuttosto complesso, non ha contabilità che è di tipo ‘omerico’, ‘narrativo’, non c’è base contabile affidabile e quindi non c’è criterio di gestione» – ha detto il ministro dell’econimia – «La sanità verrà gestita dal commissario che si avvarrà della Guardia di Finanza per ricostruire i sistemi contabili», «sarà il ritorno dello Stato».
Alle Fiamme Gialle, sarà affidato il compito «di organizzare una struttura amministrativa» «sulla quale cominciare un percorso nuovo. Bisogna inventariare il debito pregresso, sorpattutto gestire da qui in avanti la presenza dello Stato su una funzione fondamentale che è la sanità». Tremonti si è detto sicuro che una «struttura di questo tipo darà anche ai cittadini il segno necessario del cambiamento».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •