•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tempo di lettura 2 Minuti

Il presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, esprime soddisfazione per il finanziamento di 10 milioni di euro che il Ministero dell’Ambiente ha destinato per la bonifica delle aree industriali di Crotone: «A questo finanziamento – dichiara Zurlo – si aggiunge un milione di euro stanziato dalla Regione Calabria per la caratterizzazione».
È quanto emerso ieri dalla riunione tenutasi a Catanzaro dedicata alla vicenda bonifica alla quale, oltre a Stano Zurlo, hanno partecipato il direttore generale del Ministero dell’Ambiente Lupo, il Governatore della Calabria, Peppe Scopelliti, il vice presidente della Giunta regionale Stasi, il sindaco del capoluogo Vallone ed il prefetto di Crotone Panico.
«Per la bonifica – dichiara Stano Zurlo – si registrano dunque delle importanti novità. La bonifica rappresenta per Crotone innanzitutto un diritto dei cittadini ed una condizione necessaria per lo sviluppo e l’economia».
«Una grande occasione per Crotone e il suo territorio. – ha detto invece il consigliere regionale del Pdl, Salvatore Pacenza – La notizia del finanziamento di dieci milioni di euro, destinate dal Ministero dell’Ambiente per la bonifica e il risanamento delle aree inquinate di Crotone, rappresenta un ulteriore segno di attenzione da parte del Governo Berlusconi nei confronti della Calabria».
«Si tratta di somme molto importanti – ha proseguito – che serviranno al finanziamento per la realizzazione di opere per la messa in sicurezza delle aree pubbliche, cosiddette Cic, già sottoposte alla caratterizzazione. L’azione concreta della Giunta regionale, guidata dal presidente Scopelliti, ha fatto sì che tale operazione portasse maggiori fondi ministeriali per integrare quelli già previsti dalla Regione. L’attenzione particolare rivolta alla bonifica ed al risanamento delle scuole, rappresenta una grande sensibilità da parte del presidente Scopelliti, che d’intesa con la Giunta e il Ministero avvieranno, nel più breve tempo possibile, l’iter burocratico affinchè si arrivi al completamento dei lavori».
«Siamo quindi soddisfatti – ha concluso Pacenza – per questa notizia anche perchè rappresenta una risposta tempestiva che la politica riesce ad offrire ad un territorio da troppo tempo in attesa di atti concreti per il proprio risanamento ambientale».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA