Tempo di lettura 2 Minuti

C’E’ delusione nelle parole di Marina Pecoriello, presidente di una Basilia caduta inaspettatamente sabato all’esordio in campionato. “Massimo rispetto per il Verga Palermo – dichiara la dirigente – le siciliane hanno giocato la loro onesta partita, ma sul nostro campo non possiamo permetterci di regalare punti così”.
Il rammarico peggiore, a quanto pare, è per l’atteggiamento mostrato dalle ragazze sul parquet: “nulla da rimproverare alle più giovani, che anzi vanno elogiate, ma non ha funzionato l’approccio mentale e sotto questo aspetto devono essere le più grandi a prendere in mano la situazione, specie quando il pallone inizia a scottare”.
La presidente rossoblu, a differenza di quanto si possa pensare, non valuta però positivamente la sosta forzata che il calendario impone alle sue ragazze che per la seconda giornata di campionato osserveranno un turno di riposo: “sarebbe stato utile giocare subito, anche per sbloccarci psicologicamente dopo l’esordio negativo, ma cercheremo di essere bravi a mantenere alta l’attenzione degli allenamenti pur non avendo la scadenza tradizionale della partita del sabato”.
Come già accennato dal coach Paternoster, la sosta potrebbe però essere il momento propizio per operare sul mercato, alla ricerca di quell’ala forte di categoria necessaria per rinforzare il pacchetto lunghi. La sfida alle palermitane ha infatti confermato – se ancora ce ne fosse bisogno – che la sola Crovatto non può reggere tutto il peso del gioco nell’area colorata.
“Qualche trattativa in piedi c’è – svela la presidente – ma ci confrontiamo con un mercato sempre più difficile, ci sono atlete che sparano cifre spropositate dichiarandosi però pronte ad allenarsi solo un paio di volte a settimana. A noi un innesto di qualità serve anche e soprattutto per migliorare il lavoro settimanale, in partita i benefici si traggono di conseguenza”.
Pur non avendo la Basilia pressioni dettate da obiettivi altisonanti, i risultati della prima di campionato lasciano intendere quello che sarà il tema dominante: un sostanziale equilibrio. Pecoriello si lascia sfuggire: “in effetti con una giocatrice in più qualcosa di buono possiamo combinarla”. Quasi una promessa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •