Tempo di lettura 2 Minuti

L’assessore all’Ambiente della Regione, ha commentato negativamente la gestione commissariale dell’emergenza ambientale in Calabria sottolineando che sono stati «tredici anni persi. La vera emergenza – ha detto Pugliano, da pochi mesi sub-commissario per l’emergenza rifiuti – è quella che abbiamo davanti visto che al più tardi entro giugno 2011 saranno esaurite le discariche presenti, replicando anche in Calabria il rischio Napoli». L’allarme è stato lanciato nel corso del seminario «Meno rifiuti più sviluppo» organizzato da Unioncamere Calabria Desk Enterprise Europe Network e Regione Calabria, Assessorato all’Ambiente nell’ambito della settimana europea per la riduzione dei rifiuti.
I lavori, coordinati da Donatella Romeo, segretario generale Unioncamere Calabria sono stati aperti dal presidente di Unioncamere Calabria Fortunato Roberto Salerno il quale si è detto particolarmente preoccupato dell’emergenza che potrebbe indurre ad assumere decisioni dannose per i singoli territori.
«Occorre ragionare in termini di autosufficienza – ha detto ancora Pugliano – ogni territorio deve organizzarsi per smaltire i propri rifiuti e lavorare su una nuova coscienza ambientale coinvolgendo le famiglie, le imprese e la scuola che devono imparare a trovare convenienza nel riuso, nel recupero, nel riciclo. Il ruolo della politica – ha aggiunto Pugliano – è quello di stipulare un patto con i calabresi che vanno coinvolti nelle scelte. L’assenza di concertazione crea psicosi nella popolazione che nel rapporto con i rifiuti non assume un atteggiamento responsabile ed ostacola la realizzazione delle infrastrutture. Occorre rovesciare il sistema educativo e creare una nuova coscienza ambientale perchè la tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale sono naturali percorsi di sviluppo regionale».
Durante il seminario si è diffusamente parlato delle politiche, delle normative e dei programmi locali, nazionali ed europei a sostegno della prevenzione dei rifiuti, con gli interventi di Giuseppe D’ippolito, presidente albo gestori ambientali Sezione Calabria; Filippo Ammirati, Enea; Fabio Costarella, Conai; Ermanno Barni, Enea – Uttamb; Walter Regis, Assorimap; Vincenzo Calfa, Sovreca Spa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •