X

Tempo di lettura < 1 minuto

Al termine di indagini delegate dalla Procura della Repubblica di Paola, militari del Nucleo Mobile della Guardia di Finanza di Amantea (CS) hanno sequestrato un complesso turistico realizzato nel Comune di Longobardi (CS) del valore stimato di circa un milione e mezzo di euro. Le indagini hanno accertato che le opere – che occupano complessivamente un’area demaniale di circa 8.000 mq – erano state realizzate sulla base di un’autorizzazione rilasciata dall’Ente locale in contrasto con la normativa regionale vigente in materia.
Il Comune di Longobardi, infatti, ignorando i “limiti” imposti dalla suddetta normativa che autorizza gli Enti locali al rilascio delle sole concessioni aventi durata massima di 15 anni, avrebbe dato ugualmente il “via libera” alla realizzazione dello stabilimento nonostante il rappresentante legale della società (che ne avrebbe curato anche la gestione commerciale) avesse richiesto il rilascio di una concessione della durata di anni 29.
Convalidando le risultanze investigative degli inquirenti, il Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Paola ha disposto il sequestro preventivo delle opere, per “abusiva occupazione di spazio demaniale” e “inosservanza di limiti alla proprietà privata”. L’operazione effettuata dalle Fiamme Gialle di Amantea rientra tra i compiti che la Guardia di Finanza svolge a presidio del territorio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares