Salta al contenuto principale

Ipotesi coltellate non confermata da periti

Basilicata

Da indiscrezioni del quotidiano Repubblica Elisa sarebbe morta dissanguata dopo una lenta agonia, uccisa da quattro coltellate

Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

L'ipotesi che Elisa Claps sarebbe morta per dissanguamento in seguito ad almeno quattro coltellate non è confermata dai consulenti tecnici di parte. Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, Elisa si spense lentamente dopo le coltellate inflitte dal suo assassino ma i periti che seguono le indagini per le parti interessate non confermano le indiscrezioni. La perizia medico-legale redatta a seguito dell'autopsia sui resti della ragazza ritrovati lo scorso 17 marzo nel sottotetto della chiesa della Trinità a Potenza è stata consegnata ieri alla procura di Salerno titolare dell'inchiesta e immediatamente secretata. Nessuno dei legali e dei periti di parte, almeno per i prossimi cinque giorni, potrà accedere a quegli atti. Intanto a Salerno c'è attesa per l'incidente probatorio in programma per domani in cui saranno messe a confronto le tracce di Dna trovate sui resti di Elisa con quelle repertate nel sottotetto della chiesa. Le tracce rinvenute sul cadavere, con ogni probabilità , saranno successivamente comparate con il Dna di Danilo Restivo: ad oggi l'unico indagato per omicidio, violenza sessuale e occultamento di cadavere. I suoi legali hanno fatto sapere che l'imputato non si opporrà all'esame.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?