Salta al contenuto principale

Navi dei veleni, la Procura mercoledì
avvierà gli scavi

Basilicata

Il procuratore Giordano ha dato mandato per effettuare i carotaggi nella valle dell'Oliva

Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

Inizieranno mercoledì o al più tardi giovedì mattina le trivellazioni nella valle del fiume Oliva, in territorio di Aiello Calabro (CS) e Serra d’Aiello, dove si sospetta possano essere stati interrati rifiuti radioattivi o tossici. Il Procuratore Capo di Paola, Bruno Giordano ha detto: «La Procura è pronta e così anche l’azienda che dovrà effettuare i sondaggi. Sono i carotaggi che consentiranno di sapere cosa ci sia sotto il fiume Oliva e nei suoi pressi». È un’operazione a cui la Procura di Paola tiene molto, visto che si potrà così finalmente fare luce sulle cause delle strane anomalie radioattive che sono state rilevate nella zona e che vengono messe in relazione con le presunte morti per tumore che in quell'area sarebbero in numero più elevato che altrove, superando di molto la media regionale. Alcuni testimoni hanno anche riferito che nell’area potrebbero essere stati sepolti rifiuti tossici, forse provenienti dalla nave Jolly Rosso, che si arenò a pochi chilometri di distanza, sulla costa tirrenica, il 14 dicembre del 1990. Sul suo carico non è mai stata fatta piena luce.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?