Salta al contenuto principale

Cosenza, accoltella il rivale
in amore. La lite tra due storici ultrà

Basilicata

La vittima colpita alla schiena e a una gamba. Arrestato “Pinino” Porco accusato del tentato omicidio di Ciccio Conforti

Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Il calcio non c’entra ma i due personaggi protagonisti della vicenda sono entrambi molto noti nella curva rossoblu. Venerdì sera a via Popilia, Peppino Porco, noto come “Pinino”, 43 anni, ha accoltellato Francesco “Zu Ciccio” Conforti e ha aggredito la sua compagna, ex moglie del primo. Conforti, colpito da due coltellate, a una coscia e alla schiena (in modo superficiale) è stato trasportato all’ospedale dell’Annunziata dove è stato sottoposto alle cure del caso. Dopo l’applicazione dei punti di sutura necessari, Conforti è stato dimesso con una prognosi di venti giorni. Porco è stato arrestato dai carabinieri accorsi sul posto allertati da alcuni passanti, e sono riusciti a evitare peggiori conseguenze anche per la ragazza.
“Pinino” Porco è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e, dopo un lungo interrogatorio nella caserma del Comando provinciale, è stato trasferito nel carcere “Cosmai” di via Popilia. L’aggressione, per quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, si è consumata ieri pomeriggio intorno alle 17 su via Popilia. Peppino Porco a bordo della sua auto ha speronato la vettura su cui erano Francesco Conforti e la compagna. Poi l’aggressione vera e propria. “Pinino” è sceso dalla vettura e dopo un breve e animato diverbio è iniziata l’aggressione. Prima avrebbe aggredito la ragazza, la sua ex moglie, tirandola per i capelli. Armato di coltello, si è poi scagliato contro Conforti e lo ha colpito per due volte alle spalle. Immediata la richiesta di intervento lanciata da alcune persone presenti sul luogo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?