Salta al contenuto principale

Masso sull'A3, riaperto al traffico
il tratto S. Trada-Scilla

Basilicata

Il tratto era stato chiuso lo scorso 11 maggio a seguito della caduta di un blocco roccioso al km 425, all’altezza di Scilla

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

L'Anas ha comunicato che, in attuazione del mandato conferito dal Commissario Delegato Prefetto di Reggio Calabria, è stato riaperto al traffico il tratto dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria tra Santa Trada e Scilla in carreggiata sud con la predisposizione di un doppio senso di circolazione.
«Il tratto – spiega una nota - era stato chiuso lo scorso 11 maggio a seguito della caduta di un blocco roccioso al km 425, all’altezza di Scilla, causata da lavori privati non autorizzati e non riguardanti l’autostrada A3, in area non di pertinenza dell’Anas. La riapertura del tratto autostradale – si legge – è stata disposta a seguito della conclusione dei lavori di installazione di un muro provvisorio di containers posto sulla sede stradale alla base del costone roccioso dove si è verificata la caduta e dove sono presenti altri blocchi pericolanti. L’intervento ha riguardato l’installazione sull'intervia autostradale di circa 100 metri di containers, costituenti un muro alto 6 metri, realizzato con 2 file sovrapposte, che è stato reso solidale tramite barre di irrigidimento e saldature dei containers; gli stessi sono stati riempiti con materiale inerte al fine di rendere la struttura ben ancorata al suolo. L’ordinanza della Prefettura è stata emessa sulla base della relazione tecnica della Protezione civile, che ha accertato le condizioni di sicurezza per il traffico sul tratto autostradale. Sul posto è stata predisposta un’attività di sorveglianza h24 da parte della stessa Protezione Civile e dell’Anas. Il Prefetto di Reggio Calabria, in qualità di Commissario Delegato per fronteggiare situazioni di emergenze determinatesi nel settore traffico e mobilità, – continua l’Anas – ha indicato l’Anas come soggetto attuatore per l’esecuzione degli interventi urgenti. L’intervento appena ultimato è stato condiviso nei giorni scorsi con i tecnici della Protezione Civile regionale nonchè con i componenti della Commissione consultiva che supportano il Commissario Prefetto di Reggio Calabria nello svolgimento delle sue funzioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?