Salta al contenuto principale

Oppido, applausi a Noto
ma la D resta un sogno

Basilicata

L'Angelo Cristofaro perde 5-1 la gara di ritorno contro i più forti avversari, ma acquisisce esperienza per il futuro. Gradita la prestazione dai tanti tifosi al seguito

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

Hanno lasciato il campo di Noto tra gli applausi i giocatori dell'Angelo Cristofaro. Per loro la trasferta a Noto è stata pesante, un risultato eccessivo, difficile da digerire (5-1). Rabbia e amarezza si leggono in faccia a Donato Manniello, allenatore dell'Angelo Cristofaro. "La qualificazione all'ottanta per cento si è decisa all'andata. Pur avendo giocato una buona partita, abbiamo sofferto il ritorno del Noto e alla fine abbiamo pagato lo scotto per le tante azioni fallite - ha detto il mister lucano - qui, però, è stata tutta un'altra storia. Abbiamo commesso troppi errori e peccati di ingenuità; in quindici minuti i miei ragazzi hanno perso la testa". E sul futuro: "E' tutto da decidere. Dopo due stagioni portate a termine alla grande, ora è il momento del riposo, della pausa. Anche di riflessione. Fra due, al massimo tre, settimane riprenderemo il dialogo con la società".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?