Salta al contenuto principale

La cavalcata trionfale

Basilicata

Tempo di lettura: 
4 minuti 12 secondi

Un trionfo annunciato ad inizio stagione, più che meritato da una squadra che ha saputo superarsi partita dopo partita, con un finale increscendo. Ora si può gioire per un' impresa che riporta Matera al penultimo gradino delle sfere alte del volley Italiano dove per anni è stata la regina incontrastata. Una promozione costruita prima di cominciare dal presidente Michele Frangione , quale intenditore e gran conoscitore di volley che ha plasmato questa squadra. Da coach Gianni D'Onghia che ha costruito questa promozione nell'arco dell'intero anno con tanta pazienza, quando ancora la squadra non era entrata nei giusti meccanismi, con grande dedizione al lavoro svolto con tutto il suo staff tecnico. Il gruppo delle atlete, che con il passare delle partite si è rilevato sempre più forte, sia tecnicamente che caratterialmente in particolare dopo l'arrivo della fuoriclasse Daniela BIamonte.. E' stato un cammino con un inizio in parziale salita dal punto di vista dell'organico, con una squadra rifatta nuova, dopo aver vinto i play off della B2. Inizialmente ci sono delle difficoltà per il campionato, poi grazie al main sponsor Master Group del presidente Marinelli comincia l'avventura con l'obbiettivo di conquistare almeno i play off. Nel campionato di B1 si parte con Il Soverato favorita dai pronostici per la vittoria come poi è avvenuto, a seguire il Latina, Mercato San Severino, Marsala, Potenza e Master Group. Si preannuncia un campionato avvincente. La Master comincia la sua nuova avventura con la prima gara in trasferta in quel di Sambuceto e prima vittoria per 3 a 0. L'esordio vittorioso in casa contro il Latina 3-1, e vittoria esterna sul difficile campo del Marsala 1-3. La quarta gara di campionato vede di scena al PalaSassi la favorita del campionato, il Soverato allenata dal materano Ciccio Montemurro, il quale riesce nell'impresa di vincere una partita combattuta, con le materane che hanno ancora poca intesa e meccanismi da oliare. La sconfitta per 1-3 forse lascia il segno, perché la Master cede anche a Mercato San Severino. Dopo le due sconfitte la squadra di mister D'Onghia incamera cinque vittorie consecutive, vince in casa 3 a 2 contro il Sabaudia, in trasferta espugna il campo del Trani che non perdeva da due anni, vittoria sofferta per 3-2 contro il Valenzano e facile successo in terra siciliana contro il Messina 1-3. Arriva il derby e Picerno e compagne riescono a vincere contro la quotata Lore Lei un 3-1. Arriva la terza sconfitta per le biancazzurre, sempre in campania questa volta contro lo Scafati subendo un 3-1. Arrivano le vittorie contro il Priolo ed il Lamezia che verrano annullate per il ritiro del Lamezia e l'esclusione del Priolo. Il 6 febbraio inizia il girone di ritorno e la Master ha ingaggiato Melissa Donà, ma come promesso dal vice presidente Marinelli si aggiunge la ciliegina sulla torta, arriva la fortissima Daniela Biamonte materana di adozione proveniente dalla serie A1. Ora la squadra ha l'asso nella manica per raggiungere l'obbiettivo prefissato ad inizio campionato, la conquista dei play off. Il girone di ritorno si comincia con la vittoria esterna a Sambuceto, poi inaspettatamente arriva la sconfitta di Latina 3-1, un pronto riscatto in casa battendo il Marsala che aveva grandi ambizioni. Il match clou del campionato arriva alla 17 giornata, nel palazzetto del Soverato, dove la squadra materana di coach D'Onghia fornisce una grande prestazione se pur sconfitta per 3 a 2. Da questo momento in poi comincia la marcia trionfale della Master, che non perde neanche una partita fino alla fine del campionato. Si comincia con il 3 a 0 inflitto al Mercato San Severino, si prosegue con la vittoria di Latina, un 3-0 in casa contro il Trani, ancora un 3-0 in trasferta a Valenzano. Vittoria contro il Messina 3-0, e ancora una vittoria in trasferta a Potenza, dove la Master dimostra di essere la seconda forza del campionato. Con la vittoria in casa e sempre con la regola del 3-0 va ko lo Scafati. Dopo le due giornate di riposo la classifica finale recita così : prima Soverato con 56 punti, seconda Master Group Matera 50 punti e qualificazione ai play off. Il 15 maggio cominciano i Play off, la Master Group gioca contro le angioine del Cittaducale Rieti che vengono eliminate dopo solo due gare perdendo in casa 1-3 e al PalaSassi 3-0. La squadra di coach D'Onghia dimostra di essere in forma smagliante, frutto del lungo lavoro svolto durante l'anno. Infatti al turno successivo le materane incontrano le campane del Mercato San Severino che liquidano in sole due partite, a Matera 3-,1 ma le biancazzurre impartiscono una severa lezione di volley in casa loro vincendo 3 a 0 conquistando la finale play off. E' il Trentino Volley Rosa l'avversaria della Master. Squadra poco conosciuta con il vantaggio di poter giocare gara tre in casa. La squadra di D'Onghia però,non conosce ostacoli, sostenuti dalla grande condizione sia fisica che mentale Biamonte, Marulli, Romanò, e Donà violano il PalaBocchi con una grande prestazione dominando la gara dal primo minuto di gioco sciorinando una prestazione che non lascia dubbi sul esito finale di questi play off, 3 a 0 il risultato finale di gara uno. Infine l'ultimo 3-1 che vale la A2.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?