Salta al contenuto principale

Volley Tonno Callipo. Matt Anderson, un americano a Vibo

Basilicata

A margine della confernza stampa di presentazione del coach Di Pinto la Tonno Callipo ha annunciato l'ingaggio dello schiacciatore Matt Anderson. Per il giocatore una carriera internazionale

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

Qualche giorno fa, al termine della conferenza stampa indetta dalla Tonno Callipo per la presentazione ufficiale del coach Di Pinto, c'era stato l'annuncio a sopresa dell'ultimo colpo di mercato, Matt Anderson. E' stato lo stesso Presidente Pippo Callipo a rendere pubblica la notizia dell'ingaggio dello schiacciatore americano, classe 87, 2.08 m di altezza, strappato dalla società vibonese ad altri club internazionali. Matt Anderson ha fatto parte dell’All-American della Penn State University per tre anni. Si è laureato in kinesiologia alla West Seneca West High School nel 2006. Nel 2008 ha condotto la Nittany Lions alla seconda NCAA Men's Volleyball Championship, ottenendo il premio come miglior giocatore. La scorsa stagione ha giocato per la Hyundai Skywalkers del campionato coreano. Il suo curriculum annovera anche la partecipazione a diverse competizioni internazionali quali l' America's Cup e Pan American Cup (Medaglia d’oro) nel 2008; l'FIVB World League nel 2009; mentre quest'anno sta giocando con la nazionale statunitense la World League e sempre con la sua nazionale parteciperà ai mondiali che si svolgeranno in Italia da metà settembre, nel girone eliminatorio di Reggio Calabria. Del fuori classe il Direttore Chico Prestinenzi dice: “Matt Anderson, un nome che ai più per il momento non dirà molto, conosciuto invece dagli addetti ai lavori e tenuto sott’occhio da molte società italiane, un giovane atleta molto promettente, su cui vogliamo scommettere. Matt ha già alle spalle importanti esperienze con la sua nazionale ed ha partecipato a diverse competizioni internazionali. Sono certo che, sotto la guida di Di Pinto, Matt potrà dimostrare il suo valore anche nel campionato più difficile del mondo quale quello italiano”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?