Salta al contenuto principale

"Faida dei boschi", testimone di giustizia
Masciari: "Calabresi ribellatevi"

Basilicata

Pino Masciari si dice «amareggiato ed indignato per quanto sta avvenendo in Calabria, specie nel vibonese, precisamente a Serra San Bruno, il paese della "faida dei boschi"»

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

«La "cosca dei viperari", voleva impormi la legge del pizzo, mentre io ho scelto quella dello Stato». Si dice amareggiato ed indignato per quanto sta avvenendo a Serra San Bruno, il paese della «faida dei boschi» che Pino Masciari fu costretto lasciare 15 anni fa in seguito alla sua denuncia contro i suoi estorsori. Il testimone di giustizia Pino Masciari, ex imprenditore, parla dalla località del Nord dove vive sotto protezione con la moglie ed i figli: «Sono deluso ed amareggiato per il silenzio dei miei colleghi imprenditori e dei politici – aggiunge – in quanto quelle cosche che con le mie denunce, la mia costituzione di parte civile, sono finite in carcere, nonostante la scia di sangue che hanno lasciato sul terreno a partire dai miei compaesani Vallelunga, si sono moltiplicate, hanno fatto un salto di qualità e di quantità sotto l’assoluto silenzio appunto dei miei colleghi imprenditori e l’incapacità della classe politica calabrese».
Pino Masciari, infine, rivolge un appello agli imprenditori calabresi, affinchè «organizzino il coraggio ed escano allo scoperto per il loro futuro e quello dei nostri figli, visto e considerato che in Calabria anzichè crescere la ricchezza sono cresciute le cosche, passando da 18 a 26».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?