Salta al contenuto principale

Lamezia Terme, la conferenza regionale
dei servizi Cisl Calabria

Basilicata

Si è svolta a Lamezia Terme, alla presenza di numerosi delegati, quadri e dell’intero gruppo dirigente la conferenza regionale dei servizi CISL Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 22 secondi

I lavori la conferenza regionale dei servizi CISL Calabria, svoltasi a Lamezia, sono stati presieduti da Antonio Russo. Il segretario generale Calabria Paolo Tramonti (in foto) nella relazione introduttiva ha affrontato tutte le principali problematiche presenti a livello regionale, inquadrandole nel più ampio contesto caratterizzato dalla perdurante fase di crisi che sta mettendo a dura prova il sistema economico e produttivo del nostro Paese.
Per Tramonti i tagli di parte dei trasferimenti statali, decisi dal Governo nell’ambito della manovra correttiva appena varata, nei confronti di Regioni ed Enti Locali non possono tradursi automaticamente in una riduzione dei servizi essenziali e in aumenti di tributi e tariffe nei confronti dei cittadini, mentre è fondamentale agire sul fronte dei costi della politica e delle istituzioni eliminando i tanti sprechi e sperperi che tuttora si annidano nelle pieghe della macchina pubblica. Tutto ciò sarebbe ancor più incomprensibile in una realtà come quella calabrese in cui le famiglie stanno subendo un processo di impoverimento come mai negli ultimi vent'anni, anche a causa dell’iniquo ed eccessivo carico fiscale che, come si sa, poggia su ben quattro livelli di tassazione (nazionale, regionale, provinciale e comunale).
La nuova consiliatura regionale – per Tramonti – dovrà avere quali priorità proprio le politiche a sostegno delle fasce più deboli, dei non autosufficienti, delle famiglie, degli anziani, mettendo in campo un sistema di welfare realmente orientato a principi di equità e di solidarietà. In tal senso – ha proseguito Tramonti – anche il sindacato deve ritenersi fortemente impegnato, così come con l’iniziativa odierna si propone di fare la CISL, rilanciando e migliorando la propria rete dei servizi quotidianamente a disposizione degli associati, pensionati, lavoratori.
Con la conferenza dei servizi regionale la Cisl Calabria, in coerenza con le decisioni della segreteria confederale nazionale, intende realizzare una integrazione sempre più ampia tra i servizi stessi e l’azione sindacale di tipo tradizionale in modo da offrire non solo agli associati, ma più in generale ai cittadini, un pacchetto di tutele che, parallelamente alla missione principale di gestione delle problematiche del lavoro, sia in grado di garantire in modo sempre più efficace anche assistenza sul fisco, le pensioni, la salute, i consumi, la casa.
In questo senso con l’odierna Conferenza dei Servizi – ha concluso Tramonti – si avvia operativamente l’integrazione organizzativa e funzionale del sistema servizi CISL sul territorio regionale (partendo da CAF, INAS, e Uffici Vertenze) che successivamente dovrà riguardare tutti gli altri Enti ed Associazioni collaterali alla nostra Organizzazione.
Il Segretario Confederale Organizzativo Paolo Mezzio, nel concludere i lavori, si è soffermato sulla difficile situazione economica e sociale del nostro Paese ed in questo senso ha ribadito il giudizio, articolato e di merito, che la CISL ha espresso sulla recente manovra correttiva varata dal Governo della quale vanno apprezzati alcuni provvedimenti così come ne vanno modificati e migliorati altri. Per quanto riguarda gli aspetti organizzativi Mezzio ha evidenziato gli sforzi che l’organizzazione sta profondendo per migliorare il sistema dei servizi CISL, fondato sulla difesa di interessi collettivi e sulla diffusione di tutele individuali legate a interessi primari. Da qui nasce la necessità di ripensare gli attuali modelli rendendoli funzionali rispetto alla continuità associativa e alla crescita di consenso della CISL. In tale ottica tutte le articolazioni della nostra organizzazione devono sentirsi impegnate in quanto il processo di riorganizzazione e razionalizzazione dei servizi della CISL risponde alla necessità, non più rinviabile, di trovare risposte coordinate a bisogni diversi sviluppando di conseguenza nuove opportunità di crescita del sistema della rappresentanza che mette al centro l’iscritto nell’intero arco della sua appartenenza sindacale.
Sono inoltre intervenuti Gennaro Madera, Direttore Regionale INAS; Domenico Cubello, Segretario Generale CISL Catanzaro; Carlo Barletta dell’ADICONSUM Calabria; Cosimo Piscioneri, Segretario Generale CISL Reggio Calabria; Francesco Mingrone, Responsabile CAF Crotone; Antonio Russo, Segretario Generale CISL Cosenza; Giuseppe Mercurio, Segretario Generale FNP CISL Calabria; Sergio Pititto, Segretario Generale CISL Vibo Valentia; Pino De Tursi, Segretario Generale CISL Crotone; Natale Pace, Segretario Generale FP CISL Calabria; Gianluca Campolongo, Segretario Generale Fisascat Cisl Calabria; Salvatore Marsico, Segretario Generale FNP CISL Cosenza e Franco Iaquinta, Responsabile CAF Cosenza.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?