Salta al contenuto principale

Calcio. Italia Tim Cup, il Cosenza
passa dopo i rigori

Basilicata

Lucchese in dieci per il rosso a Lollini. Biancolino fallisce un penalty ma i rossoblù passano solo ai calci di rigore dopo le reti di Musca e Carloto

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

Ci sono voluti i rigoti per arrivare alla vittoria; ed il Cosenza sarà la squadra che andrà a sfidare il Torino nel prossimo turno di Tim Cup. E' Stefano Fiore a regalare ai rossoblù il secondo turno contro i granata, in programma il giorno di Ferragosto (probabilmente sul neutro di Modena).
La Lucchese si è rivelato un avversario probante, dura a morire nonostante abbia giocato da fine primo tempo in inferiorità numerica. Cosenza in campo con il modulo classico (3-5-2), ma con alcune novità rispetto all’assetto provato nelle prime amichevoli stagionali in Sila; Ungaro e Bernardi, infatti, vengono dirottati sugli esterni. Ottimo l’esordio di Raimondi, nuovo leader della difesa rossoblù come la prova di Stefano Fiore, visto mandare a memoria le sue invenzioni in cabina di regia.
Una partita intensa che è arrivata fino ai supplementari e poi ai rigori, ed anche in questo frangente non sono mancate le emozioni, con una parata di Petrocco e gli errori di De Rose e Marasco. Ci pensa però Stefano Fiore dal dischetto all'ultimo giro a regalare la sfida col Torino. Finisce 5-3 e il San Vito può fare festa in una notte d’agosto. La prima della stagione 2010.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?