Salta al contenuto principale

S. Giovanni in Fiore: false concessioni
Afor, due denunce

Basilicata

Avevano occupato un'area pic nic a Camigliatello Silano giustificandosi con alcune concessioni Afor che però erano scadute

Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

I militari della Guardia di Finanza di San Giovanni in Fiore (Cs), nell’ambito di controlli estivi sulle attività ricettive e turistiche, hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Cosenza i responsabili di un’associazione di promozione culturale per l’occupazione illegale di circa 6.000 metri quadrati di un’area boschiva del patrimonio forestale dello Stato, situata nella rinomata località montana di Camigliatello Silano (Cs), all’ombra degli altissimi pini silani, dove è presente un’area attrezzata per il pic-nic, gestita dall’Azienda Forestale della Regione (A.FO.R.).
Di fronte alla possibilità di cospicui guadagni, assicurati dalla presenza in questo periodo di numerosi turisti, e fidando anche nella scarsa attività di vigilanza da parte della stessa azienda regionale, i rappresentanti dell’associazione hanno occupato da metà luglio l’area pic-nic allestendo un servizio di noleggio dei tavoli (con un tariffario che variava dagli 8,00 ai 10,00 euro a seconda della grandezza del tavolo) e giustificando la loro presenza con l’affissione di diversi cartelli riportanti i numeri di due concessioni che l’A.FO.R. avrebbe rilasciato alla suddetta associazione.
L’efficace attività di monitoraggio delle fiamme gialle ha consentito di rilevare che una concessione era già scaduta lo scorso 31 dicembre, mentre l’altra, datata 30.06.2010, era stata revocata il 06.07.2010.
I Finanzieri hanno pertanto provveduto a denunciare due rappresentanti della predetta associazione culturale per invasione di terreno pubblico e per truffa; inoltre sono state sequestrate alcune centinaia di euro, illecito provento dei suddetti reati e sono stati rimossi i cartelli riportanti i numeri delle concessioni. Ai due soggetti è stato poi intimato di liberare l’area pic-nic, restituendo alla collettività l’uso dell’area demaniale illecitamente occupata.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?