Salta al contenuto principale

Ordigno inesploso vicino l'ufficio
dell'ex presidente del Cosenza Calcio

Basilicata

La scoperta davanti l'ingresso degli uffici dell'azienda di Paolo Fabiano Pagliuso

Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Una bombola di gas collegata a un congegno con tanto di batteria e due fogli di carta A4 con minacce di morte sono state fatte trovare, ieri sera, davanti all’ingresso della “Pagliuso Grandi Impianti srl”, in via Bendicenti, azienda specializzata nell'arredamento di bar e ristoranti facente capo a Paolo Fabiano Pagliuso, noto ai più per essere stato presidente del Cosenza calcio 1914.
Sul posto, a seguito di una telefonata al 112, sono giunti i carabinieri del Nucleo operativo della radiomobile e il reparto artificieri. La bombola è risultata vuota ma le lettere minatorie sono state acquisite dagli investigatori dell'Arma. Alle operazioni hanno assistito lo stesso Pagliuso e il figlio Luca, attuale general manager del Cosenza calcio, appena rientrati da Cava dei Tirreni. Le minacce rivolte a Pagliuso: “Stai attento a quello che fai”, “Salterai in aria tu e la tua famiglia”.
Della vicenda è stato subito informato il pubblico ministero Antonio Bruno Tridico, della Procura di Cosenza, che ha aperto un fascicolo. Nell’immediatezza Pagliuso padre e figlio sono stati sentiti presso il comando provinciale di Cosenza. Oggi gli investigatori dell’Arma interrogheranno altre persone. Al momento si segue qualsiasi pista, compresa quella che porta al Cosenza calcio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?