Salta al contenuto principale

Ugl, insufficente l'organico
al carcere minorile di Catanzaro

Basilicata

L’Istituto penale per minorenni 'Silvio Paternostro' di Catanzaro sarà presto ultimata e pronta ad ospitare, nell’ambito del circuito penale, altri ragazzi provenienti da tutto il territorio nazionale

Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

«Dopo vari ed accurati lavori finalmente la «vecchia» e storica struttura dell’Istituto Penale per Minorenni «Silvio Paternostro» di Catanzaro sarà presto ultimata e pronta ad ospitare, nell’ambito del circuito penale, altri ragazzi provenienti da tutto il territorio nazionale».
A lanciare l'allarme è l'Ugl: «questo ulteriore tassello va a costituire quello che per l’UGL Polizia Penitenziaria, primo sindacato di categoria della provincia di Catanzaro, ha sempre rappresentato il presupposto per la realizzazione di una «cittadella giudiziaria minorile», senza dubbio il fiore all’occhiello della giustizia minorile in Italia. Non può tacersi però su quello che – continua la nota - preoccupa in questo particolare momento e cioè la gravissima situazione relativa alla carenza di personale di polizia penitenziaria all’interno della struttura minorile. È stato più volte segnalato al superiore dipartimento (in qualità di responsabile nazionale del settore minorile), che per garantire la sicurezza dell’istituto e delle altre strutture circostanti, nonchè, per assicurare il normale svolgimento delle attività dovrebbero essere assegnate un numero adeguato di agenti, (un’integrazione di almeno 20 unità rispetto all’organico presente) ma, purtroppo, ad oggi nessun riscontro - lamenta l’Ugl – su quanto segnalato è giunto, e pertanto si continua a sperare rimanendo in uno stato di speranza ed attesa».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?