Salta al contenuto principale

'Ndrangheta: in Ungheria il concorso
per aspiranti "Miss Mafia"

Basilicata

Belle e soprattutto criminali. Questi i canoni delle giovani ragazze che devono avere le aspiranti "Miss Mafia"

Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

Belle, sexy, affascinanti e...criminali; devono avere almeno un’accusa per associazione mafiosa. Queste le «qualità» richieste alle aspiranti Miss Mafia, singolare concorso di bellezza organizzato in Ungheria che domani vedrà sfilare, nella semifinale, 16 bellezze sulla passerella dello Stage Pub di Budapest. Alla finale del concorso, non è escluso neanche che ci sia la premiazione con la fascia di «miss 'ndrangheta», considerato che quella calabrese è l’associazione criminale più potente e più ricca al mondo.
Tra le aspiranti Miss Mafia, scrive il Quotidiano, c'è anche un’italiana, Anna B. che ha dichiarato: «Sarei molto contenta se potessi diventare Miss Mafia», dice la ragazza, mora, 1,67 di altezza per 56 chili, hostess con l’hobby della cucina, che si presenta con una foto con pistola in pugno e autoreggenti.
E perchè no, dato che il montepremi destinato alla vincitrice consiste in un’autovettura, un appartamento a Budapest o una somma in denaro.
Per partecipare, le aspiranti miss hanno dovuto inviare, oltre ai dati anagrafici ed a quattro foto (una del volto una in costume, una in biancheria intima ed una in abito da sera), la propria fedina penale per testimoniare il proprio passato criminale. Ammesse al concorso le ragazze che hanno riportato condanne per truffa, rapina, spaccio, ma soprattutto che abbiano avuto dei collegamenti con la criminalità organizzata.
I dati anagrafici, così come i precedenti penali, non vengono resi pubblici, ma sono necessari per l’ammissione al concorso la cui finale è in programma ad ottobre in una data ancora da stabilire. Per pubblicizzare l’evento, gli organizzatori hanno tappezzato i muri di Budapest di manifesti giganti ma saranno ammesse anche votazioni online.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?