Salta al contenuto principale

Navi dei veleni, un anno dopo
il corteo di Amantea

Basilicata

Domani 24 ottobre ricorre il primo anniversario della manifestazione di Amantea sulla vicenda delle navi dei veleni e dei rifiuti tossici e radioattivi

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

Lo scorso anno ad Amantea, si svolse un’iniziativa ampiamente partecipata, accompagnata dallo slogan "Riprendiamoci la vita, vogliamo una Calabria pulita". «Quel giorno da tutta la Calabria è partita una forte e corale richiesta di verità sui sospetti affondamenti di navi cariche di scorie tossiche e sulla contaminazione radioattiva del territorio nel Tirrenio e nello Jonio – dichiara Nuccio Barillà del direttivo nazionale di Legambiente -.
Ma, a un anno di distanza, la maggior parte delle domande attende ancora risposte esaurienti da parte del Governo e della magistratura».
«Continueremo la nostra battaglia per la verità – aggiunge Sebastiano Venneri, vice presidente di Legambiente -, un impegno avviato dall’associazione nel 1994, sul quale proseguiremo a lavorare anche attraverso il Comitato nazionale per la verità sulle navi dei veleni e l’intrigo radioattivo. Dalle navi affondate alla vicenda di inquinamento della vallata del fiume Oliva, molte questioni rimangono da chiarire e siamo al fianco dei cittadini che chiedono spiegazioni». Legambiente chiede l’immediata e completa bonifica dei siti contaminati, a cominciare da Crotone e dalla vallata del fiume Oliva. E rinnova il proprio sostegno ai magistrati che indagano sui traffici di rifiuti tossici e radioattivi, come il procuratore delle Repubblica di Paola.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?