Salta al contenuto principale

Blitz contro i clan del Reggino, 34 arresti
Anche allenatore della Valle Grecanica

Basilicata

Le accuse nei confronti degli arrestati sono di omicidio, estorsione, associazione per delinquere di stampo mafioso

Tempo di lettura: 
3 minuti 12 secondi

Blitz anti 'ndrangheta questa mattina compiuto dalla polizia di Stato a Reggio Calabria e in provincia, contro le principali cosche della criminalità organizzata. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere chieste e ottenute dalla Direzione distrettuale antimafia sono in tutto 34. Le persone arrestate devono rispondere a vario titolo delle accuse di omicidio, estorsione, associazione per delinquere di stampo mafioso.
La polizia avrebbe ricostruito due anni di estorsioni e danneggiamenti compiuti a Reggio. I 34 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare sono appartenenti, capi e gregari, ai sodalizi criminali, tra loro consorziati, Borghetto, Zindato e Caridi tutti aderenti al cartello Libri, operanti nei quartieri Ciccarello, Modena e San Giorgio, e di elementi di spicco delle cosche Serraino e Rosmini, anch’esse operanti nella medesima porzione di territorio collocato tra la zona centro e la zona sud della città di Reggio Calabria.
Nel corso delle indagini è emerso un vero e proprio controllo del territorio da parte degli uomini delle cosche che imponevano il pizzo a imprenditori e commercianti reggini. Per coloro che opponevano resistenza al pagamento delle estorsioni venivano organizzati danneggiamenti ad automobili oppure strutture commerciali. Gli investigatori hanno individuato anche il responsabile dell’omicidio di Giuseppe Lauteta compiuto nel gennaio 2006 a Reggio Calabria.
Nell'operazione sono coinvolti anche l’allenatore della squadra di calcio «Valle Grecanica», che milita nella serie D interregionale, Natale Iannì, e il direttore sportivo della stessa società, Cosimo Borghetto tra gli arrestati dell’operazione contro le cosche reggine della 'ndrangheta eseguita dalla Squadra mobile di reggio Calabria.
In manette è anche finito l’ingegnere Domenico Cento, di 50 anni. È sfuggito alla cattura, invece, il boss Francesco Zindato, esponente di primo piano del cartello della cosca Libri.
Queste tutte le persone arrestate nell’ambito dell’operazione contro la 'ndrangheta fatta dalla Squadra mobile di Reggio Calabria: Eugenio Borghetto, di 42 anni; Giuseppe Borghetto (54); Paolo Latella (40); Fabio Pennestrì (28); Giuseppe Modafferi (44); Tullio Borghetto (27); Natale Iannì (43); Matteo Perla (48); Antonino Idotta (38); Antonino Arabesco (39); Gaetano Andrea Zindato (26); Sebastiano Sapone (32); Tommaso Paris (33); Massimo Orazio Sconti (45); Antonino Caridi (50); Bruno Caridi (52); Santo Giovanni Caridi (43); Giuseppe Zindato (53); Demetrio Giuseppe Cento (50); Vincenzo Quartuccio (45); Diego Rosmini (38); Natale Alampi (36); Osvaldo Salvatore Massara (45); Domenico Malavenda (39); Gianpiero Melito (43); Domenico Serraino (38); Carmelo Gattuso (43); Pasquale Giuseppe Latella (32); Giovanni Zindato (42); Franco Fabio Quirino (39) e Biagio Consolato Parisi (49), tutti portati in carcere. Gli arresti domiciliari sono stati disposti nei confronti di Umberto Sconti, di 84 anni. I particolari dell’operazione sono stati illustrati dal Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone; dal questore, Carmelo Casabona, e dal dirigente della Squadra mobile, Renato Cortese.

LA SOCIETA' SPORTIVA VALLE GRECANICA: "SIAMO RAMMARICATI"
La società sportiva A.S. Valle Grecanica attraverso la propria addetta stampa ha deciso di inviare una nota agli organi dell’informazione, a poche ore dagli arresti avvenuti a Reggio Calabria, che hanno coinvolto due elementi del team sportivo. “Siamo rammaricati - è scritto nel comunicato - per la vicenda giudiziaria che ha coinvolto l’allenatore Natale Iannì e il Direttore Sportivo della squadra Gino Borghetto. A loro, in questo momento, va la solidarietà della Società, con l’augurio che la giustizia possa fare presto chiarezza sulle loro vicende. Non entriamo in merito alla questione giudiziaria - scrivono ancora i componenti della società -, ma continuiamo a riconoscere il pregevole lavoro svolto finora all’interno della squadra da Natale Iannì e da Gino Borghetto. In questo momento la Società penserà a garantire il massimo sostegno psicologico al gruppo, continuando il percorso già intrapreso e lavorando con assoluta serietà, la stessa che ci ha contraddistinti fino ad ora. Ci mancherà quel tassello che dall'avvio del campionato ci ha tanto gratificati, e cioè la grande preparazione tecnica e calcistica messa in evidenza dall’allenatore Iannì e dal Direttore Sportivo Borghetto. Dal canto Nostro - conclude la nota firmata dall’A.S. Valle Grecanica - la squadra anche se provata continuerà a battersi con grande determinazione per raccogliere il massimo di ciò che fino ad ora è stato seminato”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?