Salta al contenuto principale

«L'acqua non si mercifica»

Basilicata

Manifestazione del Comitato di cittadini contro la "vendita" della sorgente "Laggia" all'Eni

Tempo di lettura: 
2 minuti 22 secondi

DI ANGELA PEPE «L'acqua è un bene comune e non si mercifica». «L'acqua serve per dissetare non per trivellare». «Difendiamo la nostra acqua che è fonte di vita». «Non arricchiamo i petrolieri con l'acqua di Paterno». «Privatizzazione voce del verbo privare». A colpi di slogan si è svolta la manifestazione di protesta organizzata dal Comitato “Sor Aqua” dopo la notizia dell'accordo tra Acquedotto Lucano e l'Eni, per la vendita dell'acqua della sorgente “Laggia” alla compagnia petrolifera”. Una lunga marcia iniziata nella mattinata di ieri, alle 10 e 30, dal luogo simbolo della “battaglia”, la sorgente e conclusasi, poi, sotto il palazzo municipale. Anziani, adulti, giovani e anche tanti bambini hanno percorso un lungo tragitto per giungere nelle vie del paese, provvisti di contenitori di acqua vuoti, fischietti, e la cosa fondamentale, la voglia di gridare, di dire “no” ad un “sopruso totale da parte di Acquedotto Lucano” con la complicità delle Istituzioni, a partire dall'amministrazione locale - consapevole dell'accordo tra l'Ente lucano e l'Eni. Amministrazione che a quanto dichiarato dal consigliere di minoranza, Michele Grieco ha mostrato disattenzione per il “problema acqua”. In modo particolare quando sono “state stabilite - ha detto - le tariffe presso l'Aato, non partecipando alle riunioni. Assenza totale quando sono state distrutte le bellezze naturali delle sorgenti, quando sono stati istallati abusivamente i contatori sulle fontane pubbliche in ultimo il prelievo dell'acqua da parte dell'Eni”. Prelievo che è stata la “goccia per far traboccare il vaso”, dapprima con il presidio e poi con manifestazione di piazza. Manifestazione che ha visto in testa al corteo, il comitato “Sor Aqua” con il suo presidente, Giuseppe Riviello , a suon di megafono ha lanciato messaggi in “difesa e tutela per la risorsa idrica”, di cui Paterno è uno dei paesi macrofornitore senza però averne la giusta compensazione. Anzi da quando Acquedotto Lucano è diventato il gestore “le cose - a quanto dichiarato dal comitato civico - sono peggiorate. Bollette “pazze” arrivate ai cittadini per un consumo presunto e non effettivo (senza neanche i contatori) e stato di degrado ambientale e igienico - sanitario delle sorgenti presenti sul territorio”. E al suon di “l'acqua è a nostra e nun s'addà tocca”, ripresa dal ritornello della canzone popolare di “Brigante se more” che il corteo alle 11 e 30 ha raggiunto la piazza principale. Piazza che nel frattempo è stata raggiunta anche da altri cittadini, incitati dalle voci della manifestazione “non avete paura venite a lottare per un vostro diritto”. E dal palco, il presidente di Sor Aqua, grida “ vogliamo l'immediata sospensione dell'accordo tra Acquedotto lucano e l'Eni”. Poi la richiesta è rivolta al Sindaco di “fare con forza un Ordinanza che impedisca il transito dei mezzi pesanti sulla strada che conduce alla sorgente”. E ancora l'invito ai cittadini a presentare il ricorso legale contro Acquedotto Lucano per le bollette presunte. Sul palco anche il responsabile del Coordinamento regionale per l'Acqua Pubblica che ha posto l'accento “sull'acqua come bene dell'umanità”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?