Salta al contenuto principale

Rossano, pachistano tenta il suicidio
salvato dai carabinieri

Basilicata

Il 26enne di origini pachistane avrebbe tentato di lanciarsi da un dirupo in preda ai fumi dell'alcol

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Ubriaco ha tentato di togliersi la vita lanciandosi da un dirupo, ma qualcuno ha avvisato i carabinieri in tempo i quali, giunti sul posto, sono stati anche aggrediti dal giovane. È accaduto ieri a Rossano dove i militari della locale compagnia sono intervenuti dopo la segnalazione telefonica, ma hanno dovuto fare i conti con la reazione del giovane, M.I., cittadino pakistano di 26 anni, incensurato, che è stato arrestato per di resistenza a pubblico ufficiale. Quando i militari sono intervenuti sul posto, dopo avere bloccato il giovane, in evidente stato di ubriachezza, nel procedere alla sua precisa identificazione ricevevano resistenza dal giovane che, successivamente, veniva tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. La condotta illecita continuava, poi, anche nel comando della Compagnia Carabinieri, al punto che era necessario far intervenire personale sanitario che procedeva a tutti gli accertamenti del caso, anche trasportando il giovane al pronto soccorso del vicino ospedale.
Il sostituto procuratore di turno Vincenzo Quaranta ha quindi disposto, dopo tutti gli accertamenti sanitari, la traduzione dell’arrestato presso la locale Casa di reclusione, dove lo stesso è attualmente detenuto in attesa delle determinazioni della competente autorità giudiziaria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?