Salta al contenuto principale

In arrivo fondi per completare l’ospedale
Finanziamento stanziato dalla giunta regionale

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

LAGONEGRO – La giunta regionale della Basilicata ha approvato l’investimento finalizzato al completamento, all’adeguamento strutturale e tecnologico e all’ampliamento dell’ospedale di Lagonegro.
Il provvedimento – predisposto dall’assessorato alle politiche della persona – reca le firme di Flavia Franconi, Aldo Berlinguer e Michele Ottati ed è stato adottato all’unanimità con una delibera ufficiale dello scorso 21 ottobre (la n. 1245 ).
Nel documento si stabilisce che vengano stanziati fondi per un totale di 1.505.000 euro per tutti i lavori che interesseranno il plesso ospedaliero; le risorse necessarie attingono a finanziamenti erogati dallo Stato nell’ambito di programmi ministeriali a destinazione vincolata. Il progetto prevede tre linee principali di intervento: l’ampliamento del plesso ospedaliero mediante la realizzazione del corpo D, che va a completare l’Obi e il nuovo reparto di cardiologia e consentirà di realizzare l’Utic ( unità di terapia intensiva di cardiologia ); la riallocazione dei reparti secondo le priorità stabilite dalla direzione sanitaria, in linea con le direttive di razionalizzazione e funzionalizzazione dei presìdi medici, nonché di contenimento della spesa e adeguamento ai costi standard previsti dal dettato della spending review; infine, lavori indifferibili per la messa a norma ed in sicurezza della struttura e degli impianti, inclusi quelli per lo stoccaggio di gas medicali e le attrezzature delle cucine. Secondo quanto indicato dal disposto dell’Art. 20 D.lgs. 118/11 sarà la Regione in corso d’esercizio ad accertare, impegnarsi, garantire ed erogare l’importo in conto capitale riferito all’edilizia sanitaria e corrispondente a quello indicato nel decreto di ammissione al finanziamento.
L’esecutività dell’opera è prevista a partire dal prossimo 3 dicembre 2014, mentre il collaudo e la messa in servizio dovrebbero entro e non oltre il 30 gennaio 2016.

fa.fa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?