Salta al contenuto principale

I lavori per lo schema “Basento-Bradano”
affidati alla ditta D’Agostino

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

LA COMMISSIONE giudicatrice dei lavori di completamento dello schema Basento-Bradano «Distretto G», ha aggiudicato i lavori per un importo di circa 45 milioni di euro: è risultata aggiudicataria la Ditta D’Agostino Srl di Montefalcione (Avellino) per un importo netto di lavori di poco superiore a 45 milioni di euro.
La ditta aggiudicataria dovrà presentare il progetto esecutivo entro 3 mesi dalla stipula del contratto e i lavori avranno una durata di 850 giorni.
«I lavori appaltati dal Consorzio unico di bonifica - ha detto l’assessore regionale alle infrastrutture, Aldo Berlinguer, attraverso l’ufficio stampa della giunta - consentiranno di irrigare circa settemila ettari netti di terreni agricoli compresi nei comuni di Genzano, Oppido, Banzi e Irsina e di realizzare un adduttore dalla diga di Genzano alla diga del Basentello su cui potranno innestarsi le reti irrigue, che avranno uno sviluppo totale di oltre 500 chilometri».
Con le opere appaltate il Consorzio potrà disporre di una condotta principale di oltre 23 chilometri, di 14 vasche di compenso e «di apparecchiature di misura di ultima generazione telecontrollate e connesse alla rete regionale di conturizzazione; ciò consentirà di monitorare in continuo le perdite idriche in tutti i settori agricoli serviti, contenendo al massimo il consumo di acqua irriguo».
La costruzione dell’opera - i cui lavori partiranno dal prossimo gennaio - darà impulso anche all’economia del Vulture Alto Bradano e produrrà notevoli riflessi sul fronte occupazionale con l’impiego di maestranze lucane.
«E’ per questo – sottolinea a sua volta il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella – che intendo esprimere grande soddisfazione e ringraziare i rappresentanti del Consorzio di Bonifica e la commissione giudicatrice dei lavori per essere riusciti in meno di 3 mesi a portare con successo a compimento un lavoro di rilevante complessità e di straordinaria importanza per la comunità lucana».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?