Salta al contenuto principale

Concorso nei vigili, legge violata
Denuncia in redazione sulla mancata pubblicità

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

LA DENUNCIA che arriva in redazione, e che per ovvi motivi resta anonima, ancorchè firmata, è nei confronti dei comuni di Rivello, di Trecchina e di Nemoli che hanno un servizio associato di Polizia Municipale.
Un nostro lettore, un trentenne laureato e disoccupato, “come altre migliaia di giovani come me in Italia” - ci scrive - sta provando da due anni ad entrare in un corpo di Polizia Municipale in un posto qualsiasi in Italia.
“Questi tre comuni - ci segnala il giovane - hanno pubblicato negli ultimi giorni di dicembre scorso, un bando pubblico per l'assunzione di agenti di polizia municipale a tempo determinato, soltanto sul loro sito istituzionale e nell'albo pretorio e non anche nella Gazzetta Ufficiale “Sezione concorsi”. Così facendo, però, hanno violato i dettami della nostra Costituzione, della legge e non da ultimo sono andati perfettamente in senso contrario a varie recenti pronunce della Corte di Cassazione che hanno fatto obbligo alle Pubbliche Amministrazioni di pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale i concorsi e le selezioni pubbliche, per renderle il più possibile conoscibili a tutti”.
Oltretutto, nel bando ci viene segnalata la concessione “di un tempo limitatissimo per partecipare al concorso pari a soli 15 giorni, quando quello rdinario è pari a 30”.
Ci sarebbero le possibilità di fare un ricorso, ma il nostro interlocutore è perso quasi la volontà di “ribellarsi”: «Tante volte mi sono scontrato con alcune pratiche poste in essere da alcune amministrazioni locali, che vanno contro ogni logica e, soprattutto, contro la legge vigente.
Purtroppo però, i costi per proporre ricorsi sono altissimi e, di conseguenza, la spuntano sempre loro».
Nella sostanza, dando per scontato che un cittadino non può cliccare sul sito di tutti i comuni italiani ogni giorno, un caso analogo è accaduto qualche settimana fa al comune di Sorrento. Anche lì il Dirigente aveva pubblicizzato la selezione pubblica soltanto nel sito web del comune. Dopo la denuncia a mezzo stampa il dirigente campano è stato costretto a rispettare la legge, riaprendo i termini del concorso e pubblicarlo sulla Gazzetta Ufficiale.
Chissà non possa accadere anche in Basilicata la stessa cosa, riconsegnando ai possibili candidati la speranza di accedere al pubblico concorso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?