Salta al contenuto principale

Va in crisi e getta roba dal balcone
Nottata movimentata a rione Murate

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

POTENZA - Prima ha costretto i genitori a lasciare l’appartamento - una decisione presa onde evitare che la situazione già complicata di per sé potesse degenerare - poi ha cominciato a buttare dal balcone oggetti di ogni tipo.

È accaduto sabato notte intorno alle 2 in via degli Oleandri. Un diciottenne, con disturbi psichici e per questo già in cura, all’improvviso ha avuto forse un crollo nervoso e ha cominciato a dare in escandescenza con i suoi genitori. Genitori che in un primo momento hanno fatto di tutto per calmarlo senza, però, ottenere nessun risultato. Onde evitare che la situazione potesse degenerare i due hanno deciso di uscire da casa e di chiamare i carabinieri. Le altre famiglie residenti nel condominio si sono svegliate e affacciate ai balconi per capire cosa stesse accadendo. 

Fino alle 4 in via degli Oleandri si sono vissute ore di panico perché il timore era che il ragazzo potesse commettere un gesto inconsulto. Sotto la palazzina due pattuglie dei carabinieri - 5 gli uomini dell’Arma compreso il comandante della Compagnia di Potenza, Antonio Cirillo - e un automezzo dei Vigili del fuoco.

Per quasi due ore i carabinieri, prima lasciati in strada dal ragazzo e poi entrati nell’appartamento - hanno parlato con il diciottenne cercando di rassicurarlo e calmarlo. Cosa che alla fine è avvenuta tanto è vero che gli uomini dell’Arma sono riusciti a entrare in casa dove il ragazzo si era, in un primo momento, barricato.

Una volta entrati nell’appartamento, con il diciottenne già più tranquillo, i carabinieri hanno continuato a parlare con lui fino a quando la situazione non è stata completamente sotto controllo.

Il ragazzo, convinto anche dai consigli degli uomini agli ordini del comandante Cirillo, ha poi deciso di farsi portare al Pronto soccorso del San Carlo.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?