Salta al contenuto principale

A scuola di amministrazione locale
La IV A del "Galilei" a Palazzo di Città

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

l sindaco di Potenza Dario De Luca ha incontrato, nella Sala dell'Arco del Palazzo di Città, gli studenti della classe IV A del liceo scientifico "Galileo Galilei" di Potenza, accompagnati dalla docente Antonella Santagata.

Nel corso dell’incontro gli studenti hanno consegnato al primo cittadino una copia del disegno di legge che presenteranno al Senato della Repubblica, preparato con la professoressa Laura Onorato, finalizzato a disciplinare le donazioni liberali da parte di cittadini e imprese in favore degli Enti pubblici, iniziativa finalizzata a raccogliere fondi per la realizzazione o la manutenzione di opere di interesse pubblico.

Gli studenti hanno inoltre individuato il Ponte Musmeci come opera rispetto alla si renda necessario un intervento di riqualificazione, trattandosi di un elemento distintivo della comunità potentina, oltre a rappresentare un'opera di grande valenza architettonica e ingegneristica.

Il sindaco, nel complimentarsi con gli studenti per l'alto senso civico dimostrato con questa iniziativa, ha garantito loro «il sostegno incondizionato da parte dell'amministrazione comunale di Potenza».

Durante la discussione, De Luca ha avuto modo di apprezzare «il forte desiderio di legalità che caratterizza gli studenti» che, tra l'altro, hanno affrontato il tema della "trasparenza" nelle pubbliche amministrazioni.

«Dovete guardare agli esempi positivi di uomini che, talvolta con il sacrificio supremo della propria vita, hanno servito con lealtà e onestà il nostro Paese come, pensate al mirabile esempio che è stato l’avvocato Giorgio Ambrosoli, Commissario liquidatore della Banca Privata Italiana, di proprietà del banchiere Michele Sindona: non cedette neppure alle minacce che la mafia gli rivolse, portando a termine il suo "servizio" nell'esclusivo interesse del nostro Paese, pur in presenza di un atteggiamento a lui ostile di alcuni importanti apparati dello Stato».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?