Salta al contenuto principale

Trekking urbano
tra Sassi millenari

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

Ancora grande partecipazione cittadina alle attività organizzate dall’Associazione Matera cammina. L’unione dell’attività fisica alla scoperta del territorio è il risultato di un dualismo perfetto che continua a funzionare e a rendere piacevole ogni domenica mattina. Quella del 15 marzo scorso, è stata una giornata ricca, grazie all’intenso percorso di camminata e alla visita ai locali della Fondazione Sassi .
Alle ore 10 il gruppo è partito dalla Chiesa di Sant’Agostino alla volta della Chiesa di San Pietro Barisano dove, nel piazzale antistante, sono cominciati gli esercizi di riscaldamento, sotto la guida del docente Gianni Pisicchio. In seguito, sono stati percorsi 3 giri completi tra i vicoli del Sasso Barisano e, tra gradini, salite e discese, si è potuto anche godere del suggestivo paesaggio.
Successivamente, il gruppo ha incontrato la giornalista Sissi Ruggi, che ha sapientemente guidato tutti alla scoperta delle bellezze curate dalla Fondazione Sassi, tra cui la grande cantina ipogea, segno della maestria e ingegnosità dei nostri avi, e la mostra fotografica: Whatever galleria II.
Il progetto fotografico Whatever galleria II (aperto al pubblico fino al 30 aprile), degli artisti finlandesi Antti Kairakari e Antti Kaarlela, è esposto a cura della Fondazione Sassi che, grazie ad una convenzione stipulata con la Commissione artistica delle regioni finniche di Oulu e Kainuu, ha messo a disposizione, per 4 anni, un immobile che ospita a più riprese artisti finlandesi, per compiere a Matera percorsi conoscitivi della cultura e della realtà lucana.
Al termine della visita, il gruppo ha ripreso l’attività fisica con esercizi di respirazione, mobilità e tonificazione generale. Nell’occasione, il Prof Pisicchio ha spiegato ai partecipanti la tecnica dell’allungamento muscolare, meglio noto come stretching,
Per i dettagli sugli appuntamenti, orari e ultimi aggiornamenti, visitare il gruppo facebook “Matera Cammina”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?