Salta al contenuto principale

Salva Potenza? Sarebbe meglio
un avvocato facoltoso come quello
che ha lasciato 5,6 mln a Milano...

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

La notizia è senza precedenti, e oggi è stata ripresa da tutti i quotidiani: un avvocato milanese morto un anno fa ha deciso di lasciare in eredità a Milano 5,6 milioni di euro in segno di gratitudine per le opportunità che gli ha offerto. Il Comune dovrà decidere cosa farne, ma si pensa a una donazione a favore delle fasce sociali più disagiate, come lo stesso professionista, Rinaldo Spataro, ha suggerito. Si accettano battute su una soluzione simile a Potenza: senza attendere le lungaggini politico-burocratiche di enti che si rimpallano decisioni e responsabilità tra il capoluogo lucano e i Palazzi romani, è quel che ci vorrebbe per una boccata d'aria – che comunque non basterebbe.
Buone notizie che arrivano dalla città che fino a ottobre sarà l'ombelico del mondo, notizie edificanti legate a microstorie di un Paese che sembra voler rinascere anche se si guarda il rapporto Istat sulla “Prospettiva per l'economia italiana nel 2015-2017”: le stime sulla crescita sono in rialzo grazie a un recupero del reddito disponibile, un calo della disoccupazione (scenderà fino al 12%) e una crescita della domanda interna destinata a sostenere consumi e Pil, la cui crescita reale per l'anno in corso passa dallo 0,5% stimato a novembre allo 0,7%. Un trend che, secondo l'istituto di statistica, sarà confermato anche nel prossimo biennio: l'economia crescerà dell'1,2% l'anno prossimo e dell'1,3% nel 2017. Bene anche gli investimenti (+1,2%).
Alla delegazione lucana che da oggi, e fino al 23 maggio, sarà ospitata all'Expo2015 consigliamo questa simpatica e utilissima guida fotografica del Corriere della Sera su piccole e grandi cose che non vanno (anche il Sole24Ore segnala qualche anomalia, soprattutto negli spazi regionali). Un inghippo di certo più fastidioso potrebbe essere rappresentato dai lavori all'aeroporto di Fiumicino che, dopo il vasto incendio delle scorse ore, potrebbero durare più di un mese con ripercussioni sul traffico.
Domani parte, invece, un Giro d'Italia che snobba il Mezzogiorno (non che sia la prima volta...): la tappa più a Sud è Benevento. Qui lo speciale della Gazzetta dello Sport.
Due notizie da altrettante regioni confinanti: il caso Xylella con il Tar che sospend eil taglio degli ulivi pugliesi e il traffico di droga che legava Calabria e America.
Sulla proposta del ministro Alfano di far lavorare i profughi gratis («è volontariato» risponde a chi lo accusa di favorire lo schiavismo) può bastare la Jena Riccardo Barenghi sulla Stampa: «Invece di far lavorare gratis gli immigrati non sarebbe meglio pagare Alfano per non farlo lavorare?».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?