Salta al contenuto principale

Solidarietà all'ex sindaco di Scanzano dopo la terza intimidazione

Basilicata
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Salvatore Iacobellis (foto da fb)
Tempo di lettura: 
2 minuti 28 secondi

SCANZANO JONICO (MT) – Una delegazione dell’Anci Basilicata si è recata a Scanzano Jonico (Matera) dove due notti fa un incendio, quasi certamente di origine dolosa, ha distrutto alcune automobili, tra cui quella dell’ex sindaco Salvatore Iacobellis. La delegazione - guidata dal presidente lucano, Salvatore Adduce, è stata accolta dalla vicesindaco, Giovanna Merlo. «Abbiamo ribadito - ha sottolineato Adduce - la nostra solidarietà a Iacobellis che pur non ricoprendo alcuna carica pubblica continua ad essere oggetto di atti intimidatori segno che la sua attività di sindaco ha 'disturbatò molto gli ambienti del malaffare. L’Anci nei prossimi giorni continuerà a mantenere desta l’attenzione e la vigilanza sul Metapontino ed in particolare su Scanzano per contrastare i tentativi di infiltrazioni della malavita nella sfera pubblica. Lavoreremo - ha proseguito Adduce - a stretto contatto con le forze dell’ordine e degli inquirenti per contrastare ed estirpare la mala pianta della illegalità. Nella riunione del consiglio direttivo già convocato per il 3 novembre assumeremo decisioni in proposito».

«Il nome di Salvatore Iacobellis probabilmente non dirà molto ai media nazionali ma credo sia giusto oggi parlare di lui. Salvatore è stato per dieci anni sindaco Pd di Scanzano Jonico (Matera) in Basilicata. In questi anni per tre volte ha subito atti intimidatori inaccettabili. Prima una testa di agnello recapitata a casa, poi delle pallottole e da ultimo ieri gli è stata incendiata l’auto». Lo scrive il deputato Roberto Speranza (Pd). «Salvatore - aggiunge il deputato - è una persona seria e rigorosa. Si è sempre battuto a sostegno del bene pubblico nella sua comunità. Quanto sta avvenendo è gravissimo e credo sia indispensabile una reazione forte da parte delle istituzioni e della società. A Salvatore va un carissimo abbraccio nella certezza che, come sempre, non si farà intimidire e continuerà il suo impegno per la legalità e la buona politica».

Il capogruppo Pd alla Regione Basilicata, Roberto Cifarelli, si dice «preoccupato per l’ennesimo episodio criminale, con molta probabilità di natura dolosa. Era poco più di un anno fa, ma sembra ieri, quando si tenne un incontro organizzato dall'Anci Basilicata alla presenza del viceministro dell'Interno Bubbico, del Prefetto e del questore di Matera, per manifestare la solidarietà delle istituzioni all’allora sindaco Salvatore Iacobellis, che, insieme con la sua famiglia, fu oggetto di un esecrabile atto intimidatorio. Da quel momento – continua il consigliere - i fenomeni malavitosi connessi al racket delle estorsioni nel Metapontino non hanno registrato nessun arretramento e il lungo elenco di atti intimidatori e attentati incendiari a Scanzano Jonico e sulla costa ionica lucana sono prevalentemente purtroppo rimasti ancora impuniti. Nell'esprimere la solidarietà a Salvatore Iacobellis, persona che nei dieci anni da sindaco, si è distinta per la sua fermezza nel rispetto dei valori della legalità quale presupposto allo sviluppo del territorio – conclude Cifarelli – ritengo che la crescente escalation di atti delinquenziali meritino tutta l'attenzione delle istituzioni preposte e l'intensificazione delle azioni di controllo delle forze dell’ordine per contrastare questi episodi e garantire più sicurezza ai cittadini».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?