X
<
>

Tempo di lettura 2 Minuti

POTENZA – Tredici nuovi casi a Matera, dove salta la festa a 5 stelle per l’elezione del nuovo sindaco, Domenico Bennardi. Ma altri 16 anche nella piccola Brienza dove si allarga il focolaio scoperto nella casa di riposo “San Giuseppe”, poco dopo l’allarme per una prima struttura per anziani, l’ormai tristemente nota residenza di Marsicovetere (a causa del recente trasferimento di un ospite da una struttura all’altra).

Ha sfondato anche quota 400 la conta dei pazienti, residenti e non, affetti da covid 19 in Basilicata.

L’ufficialità dovrebbe arrivare questa mattina col nuovo bollettino epidemiologico diffuso dalla Regione, dopo le anticipazioni di ieri pomeriggio da parte di diverse amministrazioni comunali interessate dal risultato degli ultimi tamponi effettuati. Brienza, ovviamente, dove risulta positivo anche un dipendente del Comune, ed è stata disposta la chiusura fino a mercoledì delle scuole e lo stop del trasporto scolastico per i giovani che frequentano istituti fuori paese (tra i contagiati c’è anche un bambino e si attende l’esito dei tamponi sui suoi compagni di classe).

Ma anche Miglionico, dove quello appena segnalato è il primo caso dall’inizio della crisi sanitaria. Per questo il sindaco, Francesco Comanda, ha voluto rivolgere un messaggio tranquillizzante a tutti i suoi concittadini.

Con gli ultimi dati registrati i pazienti lucani affetti da covid 19 risultano raddoppiati in due settimane. Era il 25 ottobre, infatti, quando veniva superata “quota 200” per la seconda volta dall’inizio della crisi sanitaria. Da allora i numeri hanno continuato a salire in maniera vertiginosa superando ampiamente il record di 283 positivi censiti in regione di inizio aprile, e facendo registrare 7 morti in rapida sequenza. Unica differenza significativa: i ricoveri in terapia intensiva. Basti pensare che ieri era ancora fermo a zero il numero dei pazienti bisognosi di cure più importanti, e a 35 il totale degli ospedalizzati nei due centri covid del San Carlo di Potenza e del Madonna delle Grazie di Matera (divisi tra Malattie infettive, Pneumologia e Medicina d’urgenza). Mentre ad aprile, in occasione del picco di positivi, i pazienti ricoverati erano 60 e quelli in terapia intensiva 12.

Ieri è stata comunicata la guarigione di appena tre persone in regione: una a Potenza, una a Pisticci e l’unica presente a Maratea.

Gli altri nuovi positivi registrati risultano divisi tra Murolo Lucano (1), Rionero (1), Marsicovetere (1), e Policoro. A questi poi andrebbero aggiunti 14 “turisti del tampone” arrivati a Matera dalla Puglia per sottoporsi al test in un laboratorio privato..

  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares