X
<
>

Un militare della squadra appena inviata in Basilicata somministra un vaccino

Tempo di lettura 2 Minuti

POTENZA – Altri tre morti (1 a Latronico, 1 a Potenza e 1 a Senise) e 34 contagi (ma su appena 410 tamponi processati). Mentre le dosi di vaccino somministrate raggiungono la quota record di 2.600 con la partenza della campagna di immunizzazione per i dializzati. Sono questi i dati più importanti della giornata di ieri sul fronte lucano della lotta alla pandemia.

A illustrarli, secondo la consuetudine appena inaugurata, è stato il governatore Vito Bardi dalla sua bacheca Facebook, evidenziando anche il prosieguo della campagna per gli ultraottantenni che ieri ha toccato Melfi, Bella, Balvano e Laurenzana e Miglionico. Quindi è arrivata a una copertura – con almeno la prima dose – «del 66,6%» degli avanti diritto, «superando le 90.000 dosi somministrate».

Dall’Asp hanno aggiunto che dopo l’ultimazione delle somministrazioni per i dializzati della provincia di Potenza, raggiunti nei centri di emodialisi di riferimento, oggi e domani si proseguirà nel polo Asp di via della Fisica, nel capoluogo, per pazienti trapiantati e in attesa di trapianto.
«In totale, sono circa 250 persone». Hanno precisato dall’Azienda sanitaria. «A Potenza, in particolare, 40 riceveranno il vaccino domani, 50 il 31 marzo».
A Matera, invece, è partita ieri la vaccinazione dei dializzati residenti nella città dei Sassi ed entro venerdì si dovrebbe chiudere con quelli del resto della provincia.

A trainare verso l’alto il dato delle somministrazioni di vaccino ci sono, senz’altro, anche i dati della squadra di militari inviata di supporto sanitario inviato in Basilicata dal Commissario per l’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo. Un gruppo composto da un ufficiale medico del reggimento logistico della brigata «Pinerolo» di Bari; e da due marescialli infermieri, uno del nono reggimento fanteria «Bari” di Trani, l’altro dell’undicesimo reggimento trasmissioni di Civitavecchia.

Fino a sabato i militari dovrebbero affiancarsi alle squadre dell’Asp raggiungendo 14 comuni della provincia di Potenza e 4.172 persone – fra anziani di oltre 80 anni di età e «fragili» bisognosi di assistenza domiciliare.

Ieri, però, governatore è intervenuto anche sul fronte terapeutico della lotta al virus, rendendo noto l’avvio della somministrazione «di anticorpi monoclonali per la terapia di pazienti con sintomi lievi o moderati di covid 19 che presentino particolari fattori di rischio, come obesità, diabete con complicanze, dialisi o trapianto».

Quanto ai numeri della pandemia da registrare, purtroppo, c’è l’aumento del numero delle persone ricoverate negli ospedali lucani, tornate ai livelli record annuali di 180, delle quali 12 in terapia intensiva, quattro al San Carlo e otto al Madonna delle Grazie di Matera.

Con 108 guarigioni registrate nel fine settimana (in totale 13.715), quindi, il numero dei lucani attualmente positivi è di 4.551 (4.371 in isolamento domiciliare).

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares