Salta al contenuto principale

Fca, Melfi regina degli stabilimenti grazie a Jeep e 500X (ma resta il nodo Punto)

Basilicata
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Lo stabilimento Fiat Chrysler a Melfi (PZ)
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

POTENZA – Melfi si conferma regina tra le fabbriche italiane del gruppo Fca con una produzione totale al 30 settembre 2016 pari a 290.300 vetture. Lo rivela uno studio diffuso ieri dalla Fim Cisl nazionale. Lo stabilimento di Melfi viaggia a pieno regime con le produzioni di Renegade a quota 150.000 e 500X a quota 88.400. Il sindacato stima che la produzione annua nello stabilimento con più occupati del gruppo Fca (7.650) si avvicinerà molto ai dati record del 2015. Anche la Punto si attesta su buoni livelli con circa 51.900 unità prodotte al 30 settembre contro le circa 90.000 prodotte in tutto il 2015, ma questo non ha consentito di evitare la prima richiesta di Cigo di circa 5 giorni per 1.071 lavoratori dopo circa 3 anni di assenza di ammortizzatori nello stabilimento lucano. 

UIL: MELFI DIVENTI POLO EUROPEO DELLA JEEP

“Se la prospettiva della Punto è di una continua discesa produttiva - spiega il segretario nazionale Ferdinando Uliano - è ora indispensabile capire quali saranno le soluzioni produttive per sostituire i volumi attualmente prodotti per dare garanzia occupazionale agli oltre mille lavoratori attualmente impegnati sulla linea della Punto”. 

Occhi puntati sul dopo Punto anche dal segretario regionale Gerardo Evangelista. “Il modello storico dello stabilimento è ormai agli sgoccioli - spiega il sindacalista della Fim - oggi serve sapere quale altro prodotto sostituirà la Punto per mettere definitivamente Melfi in condizioni di andare avanti con tranquillità. È chiaro che questa fabbrica non si può permettere di produrre solo su una linea, dove attualmente si producono Jeep e 500X, ed è altrettanto chiaro che solo garantendo i volumi produttivi sulla linea della Punto si potrà mettere in sicurezza il lavoro e i lavoratori di Melfi”. 

Più in generale, i dati della produzione degli stabilimenti Fca confermano il positivo andamento del settore e la continua crescita dei volumi e del settore automotive. Secondo le proiezioni fornite dalla Fim Cisl la produzione totale di tutti gli stabilimenti italiani supererà a fine anno ampiamente il milione di vetture, considerando anche i veicoli commerciali di Sevel. 

“Il dato è particolarmente positivo: con il completamento del piano 2014-2018 e i relativi investimenti che i nostri accordi sindacali hanno determinato - evidenzia Uliano - stiamo riempiendo gli stabilimenti italiani di produzione destinati anche ad altri mercati. La scelta di di cambiare la tipologia di auto prodotte nel nostro paese, elevandone la fascia, si è dimostrata vincente sul piano delle prospettive, dell’occupazione e della redditività”. 

Le auto di fascia medio-alta prodotte nel 2012, infatti, rappresentavano solo il 20 per cento dei volumi, mentre nel 2015 si è raggiunto il 58 per cento. Secondo la Fim Cisl nel 2016 la percentuale potrà ulteriormente crescere fino a toccare il 62 per cento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?