Salta al contenuto principale

Sanzioni alle compagnie telefoniche, i consigli di Adoc Basilicata

Basilicata
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

POTENZA  –  «L’Autorità per le Comunicazioni ha avviato procedimenti sanzionatori nei confronti di Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb, ree di non aver rispettato la delibera della stessa Autorità che ordinava di tornare a una cadenza mensile per le fatture della telefonia fissa, delle offerte convergenti (fisso più Internet più mobile) e per il rinnovo delle offerte commerciali. Fatturazione che invece è stata spostata a 28 giorni, con conseguente introduzione di una mensilità in più e di un aumento, nascosto, dell’8,6% a carico degli utenti». Lo afferma l'Adoc Basilicata in un comunicato stampa. 

«L’Adoc - continua la nota - apprezza l’apertura del procedimento sanzionatorio, il cambio di fatturazione degli operatori di telefonia oltre che ad essere particolarmente inviso ai consumatori introduce, sostanzialmente, un aumento del canone a carico degli utenti, pari all’8,6%, grazie all’introduzione di una ulteriore mensilità, da dodici a tredici, da corrispondere in un anno. Una prassi che penalizza gli utenti, ai limiti della pubblicità ingannevole e delle pratiche commerciali scorrette. E il fatto che il mercato delle telecomunicazioni sia in mano a poche aziende rende estremamente complicato per il consumatore cambiare operatore ed estremamente facile per questi ultimi fare “cartello”. Ben vengano quindi le sanzioni dell’Agcom ma occorre intervenire a monte per evitare l’insorgere di nuovi simili fenomeni. Il cambio di fatturazione pone anche altri problemi». 

Il cambio di fatturazione pone soprattutto due spinose questioni,  continua l’Adoc:  la prima riguarda il pagamento con RID: i pagamenti con addebito bancario hanno cadenza mensile solare, per cui il cambio di calcolo della fatturazione a 28 giorni provocherà uno sfalsamento tra tempistiche del RID e della bolletta, con possibile insorgenza di uno scoperto bancario, con eventuale morosità o di errori di calcolo delle spese;  la seconda concerne il diritto alla libera scelta e alla comparazione: la diversa cadenza di fatturazione tra operatori mina la tutela della trasparenza e della comparabilità delle condizioni economiche tra le offerte. 

Per maggiori informazioni è possibile contattare la sede Adoc più vicina: Potenza in via Stigliani 2 (0971 46393 – 330 798081) e via Napoli 3; Matera in via Annunziatella 34; Sant’Arcangelo in piazza de Gasperi 10 e Marsicovetere in via P. Festa Campanile 3". 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?